Honda richiama 2 milioni di auto per problemi agli airbag

Honda ha comunicato l'intenzione di richiamare oltre 2 milioni di auto distribuite in tutto il mondo per sistemare un potenziale problema dell'airbag.

Ammonta a poco più di 2 milioni la quantità di veicoli che Honda ha intenzione di richiamare per sistemare un potenziale problema all'airbag. Ad annunciare l'iniziativa è stata la stessa casa giapponese, che ha deciso in via precauzionale di mettere in sicurezza tutte le vetture considerate a rischio. 

Il difetto agli airbag è praticamente identico al problema che ha costretto Toyota al richiamo di 2,7 milioni di vetture qualche settimana e potrebbe portare ad un rischio di incendio o alla mancata apertura del "cuscino salvavita" in caso di incidente. Anche in questo caso, infatti, potrebbe verificarsi un corto circuito nell'elettronica degli airbag, tanto da compromettere il loro funzionamento con conseguenze pericolose per gli occupanti. 

Honda ha precisato che il richiamo riguarda 2.030.000 auto prodotte tra il 2000 e il 2005. Circa 900.000 di queste sono state immatricolare in Europa, mentre 670.000 sono in circolazione sulla strade giapponesi. 

I clienti interessati saranno contattati dal costruttore, che li inviterà a passare presso un'officina autorizzata per la messa in sicurezza della vettura, alla quale saranno sostituiti gratuitamente i pezzi difettosi con altri modificati e sicuri.

Se vuoi aggiornamenti su HONDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 23 giugno 2014

Altro su Honda

Honda Civic Type R: a Ginevra il modello definitivo
Anteprime

Honda Civic Type R: a Ginevra il modello definitivo

Presenta un motore 2 litri sovralimentato da circa 300 CV ed una grande cura aerodinamica

Nuova Honda Civic Type R, 2.0 turbo da 320 cavalli
Anteprime

Nuova Honda Civic Type R, 2.0 turbo da 320 CV

La nuova Honda Civic Type R sfoggia un’aerodinamica ancora più curata e un motore turbo da 320 CV.

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada
Prove su strada

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada

Al volante del crossover giapponese dinamico e versatile