Inquinamento: la Cina rottama circa 6 milioni di auto

Per contrastare gli alti livelli di inquinamento ambientale la Cina ha deciso di rottamare ben 6 milioni di automobili.

È una vera e propria rottamazione di massa quella annunciata dal governo cinese per abbattere l'inquinamento atmosferico che soffoca tutte le principali metropoli della nazione. Il piano è stato varato dal Consiglio di Stato e interessa tutte le regioni, ma avrà i suoi principali effetti sulle aree settentrionali della Cina, dove si concentra la maggior presenza di automobili. 

Ad essere destinati alla rottamazione forzata entro il 2014 sono circa 6 milioni di veicoli inquinanti, ma si prevede di arrivare a 11 milioni entro due anni. L'obiettivo stabilito dal Governo è quello di migliorare la qualità dell'aria riducendo del 2% le emissioni di biossido di zolfo e del 5% quelle di ossidi di azoto, ma un altro aspetto su cui si punterà già entro la fine del 2015 è la riduzione dei consumi energetici.  

Il parco auto circolante in Cina è attualmente composto da 137 milioni di automobili, in buona parte considerate le principali responsabili degli alti livelli di inquinamento ambientale del paese. Secondo i dati diffusi dal Ministero della Protezione Ambientale, infatti, il 7,8% delle vetture in funzione attualmente non rispetta i requisiti minimi richiesti dalle autorità in fatto di consumi ed emissioni. 

Le stime indicano che nella provincia di Hebei saranno rottamate 660.000 auto, con la sola Pechino che sembra contare 333.000 vetture di prossima soppressione e Shanghai che invece dovrebbe perderne 160.000.

Il problema dello smog in Cina è un tema sempre più sentito da cittadini e autorità, le quali hanno preso già preso in passato provvedimenti come l'imposizione di un tetto alle immatricolazioni di nuovi veicoli, con le poche targhe a disposizione che sono state addirittura assegnate tramite un sistema di lotterie che ha visto numerosi partecipanti.

A Pechino si prevede di limitare le immatricolazioni a 5,6 milioni per il 2014, per salire fino a 6 milioni entro tre anni. Non è invece chiaro se i cittadini costretti a far demolire il proprio veicolo saranno in parte risarciti dal Governo o dalle amministrazioni locali.

Se vuoi aggiornamenti su INQUINAMENTO: LA CINA ROTTAMA CIRCA 6 MILIONI DI AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 29 maggio 2014

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.