Carburanti: nuovi aumenti in arrivo

Eni e IP alzano il prezzo dei carburanti che potrebbe subire ulteriori rialzi a causa della difficile situazione che sta attraversando la Libia.

Il trend dei mercati potrebbe portare a nuovi rincari relativi al costo dei carburanti, dopo quelli registrati lo scorso venerdì, quando Eni ha fissato un aumento del prezzo raccomandato della benzina verde, pari a 1 cent euro/litro, mentre il Gasolio è aumentato di 0,5 cent euro/litro. Subito dopo anche IP ha effettuato un rialzo di prezzo, limitato al solo diesel, anch'esso aumentato di 0,5 cent.

Purtroppo però, la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare a causa dei duri scontri che si stanno consumando in Libia in queste ultime ore, inoltre si prevedono nel breve periodo un  adeguamento dei prezzi da parte dei restanti operatori, compresi quelli "no-logo".

Le medie del prezzo dei carburanti registrate sulla rete nazionale si attestano quindi a 1,806 euro/litro nelle colonnine del "servito"  della benzina verde e di  1,708 euro/litro per il diesel, mentre il GPL  viene distribuito a 0,723 euro/kg. Purtroppo in alcune zone d'Italia si registrano punte che raggiungono 1,860 euro/litro per la verde, 1,757 per il diesel e  0,748 per il GPL.

 

Se vuoi aggiornamenti su CARBURANTI: NUOVI AUMENTI IN ARRIVO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 19 maggio 2014

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".