Auto storiche: un questionario da portare al Parlamento europeo

La Fiva propone ai possessori di auto storiche, ai club e alle associazioni un questionario: i risultati saranno sottoposti al Parlamento europeo.

Quanto incide la passione per le auto storiche a livello sociale? Qual è il "peso" economico dei veicoli d'epoca? A queste e ad altre domande la Fiva (Fédération Internationale Véhicules Anciens) intende fornire una risposta quanto più esaustiva e precisa possibile. Per portare i risultati sullo studio del settore auto storiche - oggi più vivo che mai - a Bruxelles, nei prossimi mesi, all'esame del neo eletto Parlamento europeo.

In questi giorni, la Fiva - che ha come obiettivo principale lo sviluppo dell'utilizzo dei veicoli storici e di proteggerli dai vincoli legislativi che ne possono ostacolare l'impiego - ha preparato un questionario (che è possibile consultare a questo link), da sottoporre a tutti i privati possessori di auto storiche, ai club e alle associazioni e a tutti i soggetti che operano professionalmente nel settore dei veicoli storici: il questionario, indica una nota, serve per sondare il terreno del settore auto d'epoca, e per preparare un dossier che illustri, a livello europeo, l'incidenza del comparto sull'economia e sulla vita sociale dei Paesi europei.

Le domande, alle quali è possibile rispondere in forma anonima, riguardano il grado di storicità dei veicoli (auto, moto, veicoli commerciali, automezzi pesanti, truck, bus, trattori) attualmente in possesso del singolo o del club (quanti esemplari, di che età - se, cioè, sono "Oldtimer" o "Youngtimer", tenuto conto come punto fermo del 1983 come "anno spartiacque"), come i veicoli vengono usati (occasionalmente, tutti i giorni, solo per gare o raduni: si chiede anche di indicare la percorrenza chilometrica annua), il grado di manutenzione, le eventuali spese effettuate per il restauro o la manutenzione periodica e da chi sono stati fatti gli interventi (di persona dal proprietario, insieme a un meccanico o esclusivamente in officina), il costo del veicolo storico a livello di carburante, bollo, assicurazione, lubrificanti.

I risultati del sondaggio, indica la Fiva, saranno sottoposti al vaglio del Parlamento europeo.

 

Se vuoi aggiornamenti su AUTO STORICHE: UN QUESTIONARIO DA PORTARE AL PARLAMENTO EUROPEO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 09 maggio 2014

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.