Mancano le targhe auto: immatricolazioni a rischio

A causa dei ritardi relativi alla produzione di nuove targhe auto, sale il rischio di un brusco stop delle immatricolazioni nel nostro paese.

Mancano le targhe auto: immatricolazioni a rischio

di Francesco Donnici

30 aprile 2014

A causa dei ritardi relativi alla produzione di nuove targhe auto, sale il rischio di un brusco stop delle immatricolazioni nel nostro paese.

Nel prossimo futuro, le immatricolazioni di auto in Italia potrebbero registrare una repentina battuta d’arresto. Il grave problema non dipende dal calo delle vendite generato dalla crisi economica, bensì da un complicazione registrata nel mese di aprile, relativa alla carenza di nuove targhe auto negli uffici della Motorizzazione civile di molte città italiane.

La denuncia arriva dall’Unasca (Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica) che focalizza la causa del problema sulla ”prolungata mancata produzione e relativa consegna da parte del Poligrafico dello Stato, che si verifica ormai da troppo tempo”. Secondo l’Unasca, ”La mancanza di targhe – grava su tutta la filiera del settore fino agli automobilisti, perché si fermano le immatricolazioni, con disagi e danni per gli operatori, comprese le agenzie di pratiche auto che non possono targare i veicoli, e per i cittadini che non possono ritirare il veicolo che hanno acquistato”.

Le città dove sono stati segnalati i maggiori disagi risultano: Como, Bari, Treviso, Brescia e Bergamo, anche se in molte altre città del nostro paese inizia a gravare questa situazione paradossale, specie nella parte finale del mese, ovvero quando si registrano il maggior numero di richieste relative all’immatricolazione di veicoli. Questa delicata situazione rischia di penalizzare in modo pesante l’intero comparto automotive italiano e tutto l’indotto correlato, senza tralasciare i disagi subiti dagli automobilisti che vedono aumentare in modo esponenziale le tempistiche per il ritiro delle proprie autovetture.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...