Nuovo Codice della strada: i suggerimenti arrivano dal web

Sul sito il Portale dell'automobilista i cittadini potranno lasciare i propri suggerimenti relativi alla riforma del Codice della Strada.

L'iter parlamentare relativo alla nuova riforma del Codice della Strada è ormai cominciato, ponendo come obiettivo principale l'aumento della sicurezza di automobilisti, ciclisti e pedoni. Ora però, grazie ad una interessante ed innovativa iniziativa del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tutti i cittadini potranno apportare il proprio contributo mettendo a disposizioni le proprie proposte e idee tramite l'utilizzo del web.

Dal 9 dicembre infatti, accedendo all'home page del sito ilportaledellautomobilista.it si potrà postare un messaggio con le proprie proposte di modifica alle precedenti norme, oppure suggerirne di nuove. Lo spazio nel sito sarà disponibile fino al 31 maggio 2014 e non necessiterà di nessuna registrazione al portale. Dopo che il testo relativo al nuovo Codice sarà esaminato dal Parlamento, dovrà essere approvato da Camera e Senato per poi trasformarsi in legge. Una volta che sarà approvata la delega, il Governo avrà 18 mesi per stilare la propria proposta, utilizzando appunto, anche le proposte pervenute dai cittadini.

Secondo il sottosegretario Erasmo D'Angelis, con delega anche alla sicurezza stradale e alla riforma del Codice della Strada, il nuovo testo punterà ad essere nettamente più snello dell'attuale, riducendo gli attuali 240 articoli a 70-80 articoli. Inoltre il nuovo codice verrà distribuito anche nelle scuole, in modo da educare le persone fino dalla giovane età, senza dimenticare l'importanza delle varie norme da rispettare anche da parte di pedoni e ciclisti.

D'Angelis ha inoltre sottolineato che nel nuovo testo avrà un'importanza fondamentale il delicato tema della sicurezza stradale, divenuto ormai una vera e propria emergenza nazionale. Stando agli ultimi dati diffusi dalle autorità, il 2012 ha fatto registrare 3.650 morti e 260.500 feriti, mentre negli ultimi 12 anni in Italia sono morte 63.941 persone e ci sono stati ben 3.918.352 feriti ed invalidi a causa degli incidenti stradali. L'obiettivo è quello di responsabilizzare maggiormente chi si mette alla guida di un veicolo, oltre ad aumentare le tutele e la sicurezza di quei cittadini più vulnerabili come i pedoni e i ciclisti. Una via è percorribile potrebbe essere quella dell'inasprimento delle pene, oltre ovviamente alla certezza dell'applicazione di queste ultime, in particolare con l'introduzione dell'omicidio stradale per chi provoca incidenti mortali sotto effetto di alcol o sostanze stupefacenti.

Se vuoi aggiornamenti su NUOVO CODICE DELLA STRADA: I SUGGERIMENTI ARRIVANO DAL WEB inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 09 dicembre 2013

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.