Italdesign: Walter de Silva sostituirà Giugiaro

Walter de Silva sarà con ogni probabilità l’erede di Giorgetto Giugiaro alla guida di Italdesign, che manterrà così la sua identità italiana.

Italdesign: Walter de Silva sostituirà Giugiaro

di Giuseppe Cutrone

20 luglio 2015

Walter de Silva sarà con ogni probabilità l’erede di Giorgetto Giugiaro alla guida di Italdesign, che manterrà così la sua identità italiana.

Il passaggio dell’intero pacchetto azionario della Italdesign al gruppo Volkswagen avvenuto a inizio luglio non rappesenterà per l’azienda la perdita della sua identità italiana, almeno stando ad alcune anticipazioni trapelate sulla stampa e relative al nuovo corso che la Casa tedesca metterà in atto a partire dai prossimi mesi. 

L’uscita di scena di Giorgetto Giugiaro è avvenuta con la cessione a Volkswagen, tramite Audi, del 9,9% delle azioni ancora in mano al fondatore della Italdesign e questo passaggio ha aperto scenari inediti per l’azienda piemontese. 

A raccogliere la pesante eredità di Giugiaro dovrebbe essere però un altro italiano, un altro designer di grande fama che risponde al nome di Walter de Silva, attuale responsabile dello stile dei modelli del gruppo Volkswagen. 

De Silva, stando a quanto anticipato da alcune fonti, ha ricevuto la proposta di rivestire la carica di presidente della Italdesign direttamente dal CEO di Audi, Rupert Stadler, per essere al comando a partire dal prossimo settembre.  

Il papà dell’Alfa Romeo 156 e della Volkswagen Golf, tra le altre, non dovrebbe essere però l’unico italiano a rivestire un ruolo di responsabilità nell’ex azienda di Giugiaro, in quanto i vertici di Ingolstadt pare siano intenzionati ad affidare a un altro italiano il ruolo di responsabile dello stile

Sebbene momento manchi l’ufficialità, queste mosse sono la conferma che la politica dei vertici tedeschi sarà quella preservare l’italianità del marchio, visto come un vero e proprio valore aggiunto che ha consentito finora alla Italdesign si ritagliarsi il proprio spazio nella storia dell’automobilismo mondiale.

No votes yet.
Please wait...