Sciopero benzinai dal 16 al 19 luglio

Si annuncia uno sciopero dei benzinai in servizio sulla rete autostradale dal 16 al 19 luglio.

Le organizzazioni Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa Confcommercio hanno proclamato lo stato di agitazione che porterà ad uno sciopero dei benzinai presso la rete autostradale italiana nel mese di luglio. 

La protesta vedrà chiudere i distributori in servizio su autostrade, tangenziali e raccordi dalle ore 22 del 16 luglio alle ore 6 del 19 luglio, per poco più di due giorni che si annunciano particolarmente disagevoli per gli automobilisti, soprattutto considerato il periodo di partenze per le zone di vacanza in cui lo sciopero sarà in vigore. 

Le ragioni dei benzinai sono espresse in una nota congiunta diffusa dalle associazioni che rappresentano la categoria, le quali spiegano: "Società autostradali e compagnie petrolifere, con il silenzio complice del ministero dello Sviluppo, si litigano il 'bottino' dei carburanti in autostrada, mentre gestori vengono espulsi e i consumatori pagano la benzina più cara d'Europa".  

La categoria lamenta il mancato rispetto degli  impegni presi a luglio dell'anno passato dal Ministero dello Sviluppo Economico, dando continuità ad una situazione che vede favoriti i concessionari delle tratte autostradali. La nota ufficiale sottolinea infatti che: "I concessionari delle tratte autostradali, chi più chi meno, continuano a percepire dalla vendita dei carburanti una cospicua rendita che in soli dieci anni, dal 2003 ad oggi, ha subito un incremento fuori da ogni logica di mercato e di ragionevolezza". 

Ad essere contestate sono in particolare le royalty pretese su ogni litro di benzina, le quali sono passate, secondo i benzinai: "Dai circa 13 euro per mille litri agli attuali 98 medi, come a dire un incremento addirittura del 764%. Dal canto loro le compagnie petrolifere insistono nell'imporre ai gestori degli impianti autostradali ed agli automobilisti i prezzi dei carburanti più alti d'Europa. Le une e le altre d'accordo nello scaricare sul Paese anche le conseguenze del fallimento procurato ed imposto alle 400 imprese di gestione ed i relativi costi sociali derivanti dalla perdita del lavoro di oltre 5.000 addetti attualmente impiegati, senza che il Ministero dello Sviluppo Economico trovi né la forza né il coraggio sufficiente per intervenire". 

Nonostante il comunicato di Faib, Fegica e Anisa sia chiaro, il Garante degli scioperi, Roberto Alesse, ha riferito di non aver ricevuto alcun atto di proclamazione dello sciopero, una condizione ritenuta fondamentale per valutare la legittimità dei modi della protesta.

Se vuoi aggiornamenti su SCIOPERO BENZINAI DAL 16 AL 19 LUGLIO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 28 giugno 2013

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".