Autonomous car: la NHTSA stabilisce le linee guida

Il dibattito sulle autonomous car è sempre più acceso, con la NHTSA che ha diffuso delle linee guida e una specifica classificazione.

Le autonomous car hanno ancora molta strada da fare prima di sbarcare sul mercato e diventare mezzi impiegati quotidianamente. La conferma di come i veicoli auto-guidanti si stanno trovando davanti più di qualche perplessità da parte degli stessi addetti ai lavori arriva dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), l'ente che si occupa di sicurezza stradale negli USA.

La NHTSA ha diffuso nelle scorse ore alcune linee guida dedicate proprio alla questione delle vetture senza conducente e sollevando così più di un dubbio sulla concessione del permesso di circolazione su strada pubblica, cosa che invece avviene, seppur in fase sperimentale mediante una concessione fatta a Google, in uno stato come la California.

Il motivo che ha spinto l'ente ad un approccio così prudente è legato al livello di sicurezza garantito da questo tipo di veicoli. L'amministratore della NHTSA, David Strickland, non ha ovviamente chiuso la porta alle autonomous car, ma ha presentato l'obiettivo di fornire alle autorità tutti gli strumenti necessari a meglio comprendere vantaggi e conseguenze di un impiego diffuso dei veicoli automatizzati.

A tale scopo, la NHTSA ha reso noti cinque livelli di classificazione delle auto senza conducente, creando una sorta di scala che va dal veicolo sprovvisto di qualunque ausilio elettronico e quello in cui è la componente umana ad essere del tutto assente durante le fasi di guida.

Nel "Livello 0" sono stati inseriti i modelli in cui il controllo del veicolo è affidato esclusivamente al guidatore umano, che è quindi l'unico responsabile dei comandi. Nel "Livello 1" rientrano tutti i veicoli in cui il conducente in carne e ossa è ancora ampiamente preponderante, ma viene coadiuvato da accessori elettronici come il controllo della stabilità o il sistema di ausilio alla frenata che si attivano in caso di emergenza per migliorare rispettivamente il controllo del veicolo e ridurre gli spazi di arresto.

Il "Livello 2" include invece quelle vetture che integrano almeno due sistemi elettronici in grado di funzionare in maniera combinata. Un esempio potrebbe essere l'adaptative cruise-control che funziona in combinazione con il line assist, ma anche in questo caso, è il fattore umano a guidare di fatto il mezzo.

Salendo al "Livello 3" si incontrano i modelli che sono in grado di prendere il controllo autonomo di se stessi in determinate condizioni sollevando del tutto il conducente dall'intervenire. In questa categoria rientrano le auto dotate di sistemi elettronici sofisticati che, in caso di traffico intenso o di guida a bassa velocità in città, sono capaci di guidarsi da sole riconoscendo gli ostacoli e attivando in autonomia il sistema frenante o lo sterzo, con la possibilità di lasciare al guidatore la facoltà di prendere il controllo ogni qual volta lo ritenga necessario.

Il "Livello 4" è invece il livello più alto tra quelli individuati dalla NHTSA e comprende i modelli in grado di raggiungere una destinazione in totale autonomia, senza che al conducente umano venga chiesto alcun intervento diverso dall'impostare un punto di partenza e un punto di arrivo e precludendone quindi la possibilità di prendere il controllo dei comandi durante il viaggio.

In base a questa classificazione le autorità dovrebbero adattare le proprie leggi in attesa che proseguano le sperimentazioni per i prossimi anni con l'obiettivo di comprendere meglio una tecnologia che, pur essendo interessante e potenzialmente rivoluzionaria, presenta ancora molti aspetti da chiarire e da far comprendere appieno.

Se vuoi aggiornamenti su AUTONOMOUS CAR: LA NHTSA STABILISCE LE LINEE GUIDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 31 maggio 2013

Vedi anche

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…