PSA e GM: battuta di arresto per l’allenza

La partnership in pericolo per i finanziamenti dello Stato a PSA: non consentono più i tagli previsti ai posti di lavoro per adeguarsi al mercato.

PSA e GM: battuta di arresto per l'allenza

di Eleonora D'Uffizi

14 novembre 2012

La partnership in pericolo per i finanziamenti dello Stato a PSA: non consentono più i tagli previsti ai posti di lavoro per adeguarsi al mercato.

Si arrestano per ora i progetti comuni di PSA (Peugeot – Citroën) e General Motors che avrebbero dovuto traghettare i due gruppi oltre la crisi economica e salvare l’industria francese in difficoltà.

Il primo passo era stato fatto nel febbraio scorso, con la cessione del 7% delle quote PSA a GM con un conseguente aumento di capitale per un milione di euro. L’ampliamento della partnership si sarebbe bloccato, secondo fonti vicine alle aziende, a causa dei fondi pubblici chiesti e ottenuti da Peugeot.

Il finanziamento di 11,5 miliardi di euro, di cui 7 miliardi in emissioni obbligazionarie con garanzia dello Stato, concesso dalle banche creditrici al gruppo francese, ha permesso infatti di salvare gli 8mila posti di lavoro in esubero, ma anche bloccato i progetti GM che prevedevano proprio un taglio al personale per adeguare Peugeot-Citroën al mercato attuale e prepararne il rilancio.