La A4 sarà la prima autostrata elettrica d'Italia?

L'autostrada A4 Milano-Brescia sarà la prima autostrada elettrica d'Italia, grazie a un progetto da 3,8 milioni di euro basato sul car sharing.

L'autostrada A4 Milano-Brescia potrebbe diventare la prima autostrada elettrica d'Italia. È questo il contenuto di un progetto-pilota chiamato ZET, acronimo di Zero Emission Territory, e messo a punto da Clickutility.

Il piano sarà presentato all'interno del Mobility Tech e prevede un investimento di circa 3,8 milioni di euro per la progettazione, l'avvio delle attività e la copertura delle spese per il primo anno. L'obiettivo è quello di far diventare una delle autostrade più trafficate e congestionate d'Italia in un'autostrada modello per quanto riguarda l'impatto ambientale.

Il programma si basa sul car sharing elettrico e, secondo i suoi fautori, consentirà un taglio di 26,3 tonnellate di CO2 al mese, con un risparmio, per quanto riguarda il carburante, di 20.160 euro. Tali obiettivi sarebbero da raggiungere per mezzo della messa in circolazione di una flotta di 72 auto elettriche e della realizzazione delle relative infrastrutture, suddivise tra 18 parcheggi di interscambio con 144 punti di ricarica presso le uscite della A1, 10 punti di ricarica veloce e l'installazione di pensiline fotovoltaiche per abbattere ulteriormente l'impatto sull'ambiente.

L'autostrada A4 interessa un volume di traffico di 113.000 mezzi al giorno in media e proprio per la sua natura di arteria tra le più congestionate a livello nazionale è stata scelta per questo progetto sperimentale di Clickutility. Secondo Carlo Iacovini, responsabile del programma e Associate Senior Manager del gruppo: "Il progetto ZET vuole dimostrare che l'auto elettrica è una realtà concreta anche al di fuori della città per percorrenze medie come i 97 chilometri che uniscono Milano a Brescia''.

A regime la flotta di auto elettriche dovrebbe percorrere circa 168.000 chilometri al mese, consentendo una notevole riduzione del livello delle emissioni, esattamente sulla scia di quanto fatto nei Paesi Bassi, dove l'autostrada A15 è entrata a far parte di un progetto simile che mira a incentivare l'uso delle auto elettriche anche in ambito extraurbano, svincolando questo tipo di vetture dall'immaginario comune che le vede utili principalmente per gli spostamenti cittadini.

Le cifre relative al progetto ZET prevedono che dei 3,8 milioni complessivi, 1,8 milioni andranno all'acquisto della flotta auto, 1,2 milioni serviranno per la costruzione delle infrastrutture e 400.000 euro saranno conservati per coprire i costi di gestione annuale, con un fatturato mensile che a regime, dovrebbe assicurare la sostenibilità del progetto per mezzo di un guadagno tra 600 e 800 euro al mese per ogni singola vettura elettrica in servizio.

Se vuoi aggiornamenti su LA A4 SARÀ LA PRIMA AUTOSTRATA ELETTRICA D'ITALIA? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 22 ottobre 2012

Vedi anche

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…