Leasing auto tedesco: la pacchia è finita

Operazione della Guardia di Finanza in Alto Adige contro chi abusa dei leasing auto con targa tedesca: 120 auto di grossa cilindrata sequestrate.

Molto diffuso negli ultimi tempi, il leasing tedesco è stato spesso sinonimo di evasione fiscale facile e senza rischi. Ma da oggi i leasing auto con targa tedesca hanno i giorni contati. La Guardia di Finanza di Bolzano ha scoperto una truffa ai danni dello Stato per almeno 6,7 milioni di euro a causa della mancata Iva versata su vetture immatricolate in Germania ma utilizzate da automobilisti italiani.

Grazie a società con sede in Germania ma operante esclusivamente in Italia si potevano acquistare in leasing auto con targa tedesca. Tramite questo semplice ma efficace escamotage gli automobilisti non erano costretti a pagare superbollo, eventuali contravvenzioni e sfuggivano agli accertamenti del redditometro.

Il controllo della Guardia di Finanza ha portato il sequestro di 120 vetture di grossa cilindrata come Mercedes, Ferrari e Porsche, la scoperta di un giro di affari non dichiarato di 34 milioni di euro e la confisca di beni per un valore di 4 milioni di euro ai danni dell'indagato.

Se vuoi aggiornamenti su LEASING AUTO TEDESCO: LA PACCHIA È FINITA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Simonluca Pini | 08 ottobre 2012

Vedi anche

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Con l’inizio del nuovo anno arrivano i nuovi aumenti nel 2017 dei pedaggi autostradali caratterizzati da una media dello 0,6%.