Dall’Aci arrivano i corsi gratuiti di guida sicura per stranieri

A causare più incidenti marocchini e moldavi per le abitudini diverse: a Vallelunga 1.000 lezioni patrocinate dalla Presidenza del Consiglio.

Dall’Aci arrivano i corsi gratuiti di guida sicura per stranieri

di Eleonora D'Uffizi

30 agosto 2012

A causare più incidenti marocchini e moldavi per le abitudini diverse: a Vallelunga 1.000 lezioni patrocinate dalla Presidenza del Consiglio.

A quanto pare il luogo comune secondo cui gli stranieri guiderebbero peggio degli italiani ha un fondamento: ogni anno nel nostro Paese gli incidenti in cui sono coinvolti cittadini stranieri sono il 13,5%, praticamente il doppio di quelli degli automobilisti italiani, circa il 6,4 del totale. A creare la discrepanza, probabilmente, più che la mancanza di attitudine ed esperienza sarebbero le diverse abitudini acquisite nel paese d’origine: i peggiori al volante risultano tunisini, marocchini, romeni, ucraini e moldavi, mentre gli incidenti di francesi, tedeschi e argentini sono di poco superiori rispetto alla media degli italiani. Gli stranieri che si muovono per la penisola per lavoro o turismo sono più di 3 milioni, il 7% dei guidatori totali, con 2,7 milioni di auto e più di 250mila moto.

L’Aci, calcolando i costi dei sinistri ogni anno in Italia, tra quelli economici superiori ai 30 miliardi euro e quelli sociali con oltre 3.800 morti e 292mila, ha varato un progetto per la sicurezza stradale dedicato agli stranieri, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio e sostenuto dal ministero degli Esteri e da quello della Cooperazione internazionale, dal dipartimento degli Affari regionali e da diverse ambasciate. L’iniziativa comprende 1.000 corsi di guida sicura gratuiti per tre anni e un call center multilingue per consulenza tecnica e legale sul ventaglio di temi della mobilità. Le lezioni si svolgeranno in 18 giornate durante i week end, con classi di 60 partecipanti per un totale di 3mila stranieri coinvolti, presso il centro Aci-Sara di Vallelunga, a Roma. Per iscriversi basterà compilare il modulo online sul sito www.aci.it: l’unico requisito è il possesso della patente di guida.