Volkswagen compra la Porsche per 4,46 miliardi

Costerà 4,46 miliardi l'acquisizione delle quote capitale (50,1%) che VW ancora non possedeva di Porsche.

Porsche 914 compie 40 anni

Altre foto »

Un "gruppo automobilistico integrato", il cui assetto produttivo spazierà dalle citycar alle moto (dalla recentissima acquisizione di Ducati operata da Audi a metà aprile) a veicoli commerciali e automezzi pesanti, fino alle GT di Zuffenhausen.

E' l'obiettivo posto dall'accordo, siglato ieri da Volkswagen per il completamento dell'acquisizione di Porsche, relativo al 50,1% delle quote capitale del marchio di Zuffenhausen.

L'intesa, indica una nota firmata dai vertici di Wolfsburg, riguarda la parte di Porsche che Volkswagen ancora non possedeva, e che costerà a VW un esborso di 4,46 miliardi di euro. L'operazione, avviata dopo il "via libera" ricevuto da VW da parte del Fisco tedesco, sarà perfezionata entro il 1 agosto; le sinergie nette del maxi gruppo che nascerà da questa integrazione accelerata sono state calcolate per 320 milioni di euro.

Quello che più conta, per la direzione di entrambi i marchi, è il fatto che con questa maxi operazione (da noi anticipata lo scorso gennaio, con le prime voci di un completamento di acquisizione) si sia annunciata la parola "fine" a una saga che per 7 anni ha diviso due delle famiglie più potenti in Germania.

La vicenda VW - Porsche aveva preso il via nel 2005, quando Porsche aveva tentato una scalata di Volkswagen. Una mossa giudicata "coraggiosa" da parte di tutto il mondo industriale e finanziario: una piccola azienda come Porsche, infatti, aveva cercato di acquisire la maggioranza dell'impero di Wolfsburg, che da solo in una settimana produce più autoveicoli di quanti non ne vengano sfornati a Zuffenhausen in un anno.

La disputa fra le due famiglie, Piech (a capo di Volkswagen) e Porsche iniziò subito dopo: Ferdinand Piech, presidente di VW, contrastava l'operazione voluta dal cugino Wolfgang Porsche. Ne scaturì una disputa terminata solo in tempi più recenti, quando cioè Porsche - nel bel mezzo della crisi finanziaria del 2008 - dovette abbandonare il piano di scalata a causa dei forti debiti accumulati.

Con il completamento dell'acquisizione, si può dire che siano tutti contenti: in casa Volkswagen, perché dal quartier generale di Wolfsburg potranno contare su una "scuderia" che spazia a tutto campo nella produzione di autoveicoli (truck e bus compresi: ricordiamo che VW controlla anche MAN e Scania), con un "piede" nel settore moto (Ducati). E a Zuffenhausen, perché possono tirare un sospiro di sollievo dalla grave crisi finanziaria causata dall'enorme esborso economico per il tentativo di acquisizione su Volkswagen, e che nel 2009 aveva già portato le due società alla decisione di operare una fusione.

Non resta che una domanda: vedremo mai, un giorno, una GT "popolare" sulla falsariga della celebre e poco fortunata VW - Porsche 914?

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 05 luglio 2012

Altro su Volkswagen

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate
Attualità

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate

Dopo i 15 miliardi di giugno altri 4,3 miliardi per uscire dallo scandalo

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit
Anteprime

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l'inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017
Concept

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.