Lotus licenzia Dany Bahar, il nuovo CEO è Farikulla

Il marchio inglese ha licenziato con effetto immediato l'amministratore delegato arrivato dalla Ferrari.

Dopo meno di tre anni finisce la collaborazione tra Dany Bahar e la Lotus. Arrivato al marchio inglese dopo aver ricoperto in Ferrari il ruolo di vice-presidente della divisione commerciale e brand, Bahar ha terminato la sua esperienza alla Lotus nel modo peggiore possibile. Il manager svizzero è stato licenziato con effetto immediato dal gruppo malese DBR-Hicom.

Il licenziamento è arrivato dopo i risultati di un'indagine di carattere economico. Il piano di sviluppo impostato da Dany Bahar al suo arrivo nel 2009 non ha portato i profitti sperati e Lotus continua ad essere un marchio in perdita nonostante l'introduzione di un modello apprezzo dalla clientela come la Evora. Il ruolo di nuovo CEO è stato assegnato a Aslam Farikullah, già dirigente del gruppo malese e direttore operativo durante la sospensione dell'ex manager Ferrari.   

L'allontanamento di Bahar dal posto di comando della Lotus rialza le quotazioni sulle voci di una possibile cessione del marchio britannico. Nonostante le smentite comunicate al riguardo da DBR-Hicon molti analisti si attendono un passaggio di mano di Lotus.

Se vuoi aggiornamenti su LOTUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Simonluca Pini | 08 giugno 2012

Altro su Lotus

Lotus Elise: svelata la gamma 2017 e la versione Sprint
Anteprime

Lotus Elise: svelata la gamma 2017 e la versione Sprint

La nuova Lotus Elise Sprint abbatte la sua massa sotto la soglia degli 800 kg offrendo una sportività senza compromessi.

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond
Concept

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

40 anni fa, la Esprit S1 "anfibia" fu protagonista de "La spia che mi amava". Oggi, Lotus Exclusive la replica in chiave attuale con Evora Sport 410.

Lotus: in arrivo un Suv
Anteprime

Lotus: in arrivo un Suv

Potrebbe competere con la Porsche Macan e aumentare sensibilmente le vendite del Marchio inglese.