Multe in crescita nel 2008

Nel 2008 il 7,9 % di contravvenzioni in più rispetto al 2007. A Foggia il minor numero di multe, Firenze la più bersagliata

I più virtuosi? A Foggia: una multa ogni cinque auto. I più cattivi? A Firenze, con tre contravvenzioni per ciascun veicolo. E sotto con i campanilismi e con la domanda se gli automobilisti siano più o meno rispettosi delle norme del Codice della Strada oppure, a pesare sul totale delle multe, non sia in parte anche responsabile il numero di agenti delle Polizie municipali in servizio sul territorio.

In effetti, l'analisi sul numero delle contravvenzioni per automobilista emerse durante il "Forum Internazionale delle Polizie locali", che si sta svolgendo in questi giorni a Riva del Garda, ha permesso di stilare una classifica sui "bravi e cattivi" della strada. Che, in ogni caso, sono sempre meno "bravi" e sempre più "cattivi", visto che, nel 2008, il numero delle multe elevate su tutto il territorio nazionale è cresciuto del 7,9 per cento rispetto all'anno precedente.

Città più o meno virtuose a parte, fra le violazioni più diffuse al Codice della Strada il primo posto spetta ai divieti di sosta: 2.192.985 contravvenzioni, vale a dire una multa su due, con in più una netta "preferenza" per le violazioni alle ZTL e il mancato rispetto della circolazione a targhe alterne. Queste tre violazioni hanno fruttato un totale di ben 6.654.163 verbali, seguiti dal superamento dei limiti di velocità (227.018), da "irregolarità nei documenti di circolazione" (mancata esibizione del libretto o della patente di guida, assicurazione scaduta, "bollo" non ancora pagato) con 167.299 multe, dal mancato rispetto del semaforo rosso (118.595) e dalla guida con il telefonino all'orecchio (114.904).

Restano purtroppo frequenti altre abitudini che possono recare pericolo per la sicurezza degli automobilisti e dei passeggeri, come il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei seggiolini per i bambini (all'ottavo posto della classifica, con 49840 multe), il mancato uso del casco (10281) e, in 22. posizione, la guida in stato di ebbrezza (5631 contravvenzioni) e, al 37. posto, la guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti.

Nel convegno è stato puntato il dito anche sulla presenza degli operatori di Polizia municipale sul territorio nazionale: il loro numero è, in media, di 12 unità ogni diecimila abitanti. Ciascun agente eleva, in media, quasi 480 contravvenzioni all'anno; ad aiutare i vigili nel loro servizio, 68 postazioni fisse di autovelox e 218 mobili.

Dito puntato anche sulla necessità di una maggiore presenza di vigili nelle grandi aree urbane: "Tre incidenti su quattro avvengono in città - sottolinea Enrico Gelpi, Presidente dell'Automobile Club d'Italia - dunque la presenza degli agenti di polizia municipale va rafforzata". Già, ma come fare, ad esempio, per rendere più rapido lo scambio di informazioni fra territori diversi? "Un punto debole dell'attività delle Polizie locali in Italia è proprio la carenza di interscambio delle informazioni fra Comuni diversi - prosegue Gelpi - Per questo auspichiamo che, al più presto venga creata una banca dati sulle contravvenzioni".

Un archivio, evidenzia il numero uno dell'ACI, che permetterebbe di conoscere in pochi minuti quante e quali contravvenzioni sono state elevate in un determinato periodo e a chi.

Se vuoi aggiornamenti su MULTE IN CRESCITA NEL 2008 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 26 maggio 2009

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.