Ford e PSA: cambia l'accordo per i motori diesel

Ford e PSA hanno rinnovato l'accordo di collaborazione per i motori diesel, decidendo però di lasciare fuori i propulsori di 2 litri o più.

Ford e PSA hanno comunicato di aver rinnovato l'accordo di collaborazione per la progettazione e la produzione di motori diesel, ma stavolta, a differenza di quanto accaduto da dodici anni a questa a parte, rimarranno fuori dalla partnership i motori di cilindrata uguale o superiore ai 2 litri.

I rapporti di collaborazione tra i due gruppi proseguiranno quindi sui motori diesel di cilindrata compresa tra 1,4 e 1,6 litri, i quali hanno finora rappresentato il 75% dei 20 milioni di propulsori prodotti grazie alla sinergia tra i due costruttori. PSA e Ford prenderanno però vie differenti per quanto riguarda i diesel di cilindrata superiore, che saranno adesso sviluppati separatamente dai due partner.

PSA, tramite un proprio portavoce, ha tenuto a precisare che la revisione dell'accordo relativo ai propulsori di fascia più alta non è assolutamente legata al recente ingresso di General Motors nel capitale del costruttore francese.

Inoltre è stato indicato il 2015 come l'anno in cui arriveranno sul mercato i primi modelli dotati dei nuovi diesel progettati in maniera autonoma, confermando quindi che i motori di cilindrata di 2 litri frutto del precedente accordo saranno impiegati da Ford e PSA ancora per qualche anno.

 

Se vuoi aggiornamenti su FORD E PSA: CAMBIA L'ACCORDO PER I MOTORI DIESEL inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 06 aprile 2012

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.