Ferrari pro Abruzzo, prosegue la raccolta fondi

Il Cavallino Rampante protagonista nella solidarietà alla popolazione abruzzese colpita dal sisma del 6 Aprile

Non si ferma la gara di solidarietà per aiutare l'Abruzzo colpito dal terremoto, e neanche il mondo delle auto ha fatto mancare il proprio contributo.

Prosegue così la raccolta fondi promossa da Ferrari tra i suoi clienti. E' notizia dei giorni scorsi, infatti, che in concomitanza con la presentazione della nuova Ferrari Scuderia Spider 16M ad Hong Kong, siano stati raccolti circa 120.000 dollari (90.000 euro) a sostegno delle popolazioni provate dal sisma del 6 Aprile.

Altri 75.000 euro, poi, si sono aggiunti alla raccolta grazie alla generosità di Peter Kalikow, uno dei più importanti imprenditori immobiliari del Nord America e collezionista Ferrari che, durante una cena di gala tenutasi a Washington con l'AD Ferrari Amedeo Felisa e il DG di Ferrari Nord America Maurizio Parlato, non ha voluto far mancare il proprio concreto apporto alla causa dell'Abruzzo.

Questi 165.000 euro, quindi, si vanno a sommare ai 220.000 euro raccolti con la vendita dell'ultima F430 all'asta Ferrari Leggenda e Passione tenutasi a Maranello nei giorni scorsi (dove è stata aggiudicata per più di 9 milioni di euro una splendida Testa Rossa del '57) e con la vendita di alcuni cimeli storici della Scuderia Ferrari avvenuta tramite il sito ufficiale della Casa del Cavallino Rampante.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.