Fiat: Mirafiori e Pomigliano non chiuderanno

Una nota del Lingotto ribadisce che gli stabilimenti italiani continueranno a produrre per Fiat, Alfa Romeo e Jeep.

Fiat Panda: lo stabilimento di Pomigliano d'Arco

Altre foto »

«Non esiste alcun piano di chiusura di impianti automobilistici in Italia». La Fiat risponde a chi l'ha accusata in questi giorni, su alcuni mezzi di comunicazione tra cui giornali online e tv, di aver già programmato l'arresto della produzione negli stabilimenti di Pomigliano e Mirafiori.

Questa notizia, spiegano dal Lingotto, «non riflette in alcun modo né i piani né le intenzioni Fiat». La precisazione diffusa oggi dalla Casa automobilistica, inoltre, ribadisce i progetti riguardo i due impianti: a Pomigliano è concentrata da circa quattro mesi la produzione della vettura di punta Fiat, la Nuova Panda, mentre da Mirafiori usciranno due modelli, uno a marchio Fiat, a partire dal 2013, e uno della Jeep, dal secondo trimestre del 2014.

La Fiat - si legge nella nota - ha ribadito la sua scelta, in relazione all'andamento dei mercati internazionali, di una comunicazione trasparente riguardo il futuro dei suoi impianti.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 05 marzo 2012

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.