Carburanti: prezzo benzina ancora da record

Il prezzo della benzina sui mercati internazionali cresce, la prima ad adeguarsi è stata Eni con +0,5 su verde e diesel.

Si prospetta un altro fine settimana di aumenti dei prezzi dei carburanti, dopo quelli dei giorni scorsi. La benzina è infatti arrivata costare sul mercato internazionale 632 euro per mille litri (a luglio 2008 era al 10% in meno, 576 euro).

A muoversi per prima, ritoccando in rialzo ieri, è stata Eni, che ha aumentato di 0,5 centesimi euro/litro sia benzina che diesel. Ad adeguarsi subito dopo IP, con +0,5 per la benzina e +1 per il diesel, Tamoil con un centesimo in più su entrambi i carburanti e TotalErg rispettivamente con +0,7 e quasi 1 cent.

Il quotidiano Staffetta Quotidiana attesta il prezzo medio della benzina a 1,81 euro/litro e quello del diesel a 1,75, con punte causate dalle accise regionali di 1,91 euro per la benzina in Centro-Italia e di 1,78 per il diesel al Sud. Costretti all'aumento anche i distributori no-logo con una media di 1,71 euro/litro per la verde e 1,659 euro/litro per il diesel.

Nel dettaglio, oggi nelle pompe si può acquistare la benzina dall'1,807 euro/litro di Esso all'1,815 di Tamoil e il diesel tra l'1,744 euro/litro di Shell e IP e l'1,750 di Tamoil. In leggero aumento anche il Gpl, che va dallo 0,798 euro/litro di Shell allo 0,803 di TotalErg e Tamoil.

Se vuoi aggiornamenti su CARBURANTI: PREZZO BENZINA ANCORA DA RECORD inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 24 febbraio 2012

Vedi anche

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.