Milano: l'Area C favorisce il car sharing

L'introduzione del pagamento di un ticket di ingresso al centro cittadino spinge i milanesi verso l'auto in condivisione.

EDAG Light Car Sharing Concept

Altre foto »

Da quando è stata introdotta la nuova Area C, a Milano stanno cambiando radicalmente le abitudini dei cittadini per quanto riguarda gli spostamenti a livello urbano e sempre più persone ricorrono al servizio di car-sharing quando non possono usare i mezzi pubblici o spostarsi a piedi.

Il servizio, gestito da ATM, si chiama GuidaMI e dall'inizio dell'anno ha registrato un incremento di adesioni del 49% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, cioè 328 nuovi iscritti che portano a 4.668 il numero totale degli utenti. Certo, non sono numeri altissimi, ma sono indicativi di un cambio del modo di intendere l'automobile: non più uno status symbol da ostentare, ma un vero mezzo di trasporto da utilizzare all'occorrenza. Con il valore aggiunto che non si è costretti a pagare bollo e assicurazione quando non la si utilizza.

Altro probabile motivo di incremento di utilizzo di questo servizio, è il fatto che le vetture GuidaMI possono entrare liberamente all'interno dell'Area C senza pagare il ticket di 5 euro usufruendo anche di alcuni posteggi gratuiti riservati, risolvendo così anche l'annoso problema di dove lasciare l'auto una volta giunti a destinazione. Il servizio GuidaMI mette a disposizione numerose tipologie di automobili, con differenti costi di noleggio, che vanno dalla piccola Smart al Ducato offrendo anche una Prius ibrida che meglio incarna l'anima ecologista del progetto.

Nel mese di gennaio è stato registrato un aumento del 60% delle corse fatte con vetture GuidaMI che sono state complessivamente 4.825 per un totale di 194.055 Km percorsi, cioè l'80% in più rispetto all'anno scorso. Anche le ore di utilizzo sono praticamente raddoppiate passando da 16.462 a 30.285.

Se vuoi aggiornamenti su MILANO: L'AREA C FAVORISCE IL CAR SHARING inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Stefano Fossati | 20 febbraio 2012

Vedi anche

La multa è nulla senza prova che l

La multa è nulla senza prova che l'autovelox è visibile

Senza prove oggettive che l'autovelox è visibile la multa è nulla. Non è sufficiente la parola dei vigili.

Ferrari: cosa (non) cambia con la gestione Marchionne

Ferrari: cosa (non) cambia con la gestione Marchionne

Per l'amministratore delegato produrre una Ferrari fuori da Maranello sarebbe un’idea "oscena".

Ferrari: Marchionne è il nuovo Presidente

Ferrari: Marchionne è il nuovo Presidente

Sergio Marchionne succede a Luca Cordero di Montezemolo al vertice della Casa di Maranello