Volkswagen interessata alla malese Proton?

Nuovo cambio di proprietà per Proton che, dopo la recente acquisizione da parte di DRB-Icon, potrebbe entrare nell’orbita Volkswagen.

Volkswagen interessata alla malese Proton?

di Stefano Fossati

14 febbraio 2012

Nuovo cambio di proprietà per Proton che, dopo la recente acquisizione da parte di DRB-Icon, potrebbe entrare nell’orbita Volkswagen.

Volkswagen è intenzionata ad ampliare la sua penetrazione nei mercati del sud-est asiatico e per questo motivo è alla ricerca di una base locale per produrre i suoi modelli, riducendo i costi di manodopera e trasporto e aumentando così la competitività rispetto ad altri costruttori che sono già presenti in loco con le proprie fabbriche.

Il costruttore malese Proton, con il quale Volkswagen ha già intrapreso delle trattative di acquisizione negli anni passati non andate a buon fine, sembra confermarsi come partner ideale grazie alla sua capacità produttiva di 350.000 vetture all’anno. La voce sembrerebbe essere ancora più accreditata dalla recente acquisizione di Proton da parte di DRB-Icon, colosso malese specializzato nella produzione di automobili e componentistica di proprietà di Syed Mokhtar Al-Bukary, il secondo uomo più ricco del sud-est asiatico secondo Forbes, con la quale il costruttore tedesco ha iniziato una partnership lo scorso anno.

Questo consentirebbe al gruppo Volkswagen di aggredire anche i mercati vicini e in forte espansione di Indonesia e Tailandia. Inoltre Proton porterebbe in dote anche il marchio Lotus che andrebbe ad arricchire il già ricco palmares di marchi sportivi posseduti dalla casa di Wolfsburg affiancandosi a nomi come Porsche, Lamborghini, Bentley e Bugatti.