Auto blu: in futuro saranno a noleggio?

Per tagliare le spese relative alle auto blu, il governo sta pensando a formule di noleggio a lungo termine, togliendo la proprietà alla PA.

Nell'ambito di una politica sui tagli alle spese pubbliche, il governo Monti sta pensando di cambiare le regole relative alle auto blu di dello Stato e delle amministrazioni locali.

La prima proposta è che tali vetture di servizio non siano più di proprietà dello Stato ma siano a noleggio, come avviene per le flotte di auto aziendali, per le quali sono state studiate formule diverse dall'acquisto vero e proprio.

Intanto, il governo si appresta a emanare nuove misure in tal senso dopo aver portato a termine il monitoraggio sui messi di servizio, iniziato almeno 2 anni fa con l'allora ministro Brunetta.

In un'audizione al Senato, il ministro per la Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, ha riferito che sono ancora troppe le amministrazioni centrali e locali sulle quali pesa il fardello finanziario del mantenimento in organico di auto blu, che oltretutto sono di numero troppo elevato: se le ultime stime indicano che in Italia il parco auto blu tocca le 500mila unità, negli Usa si arriva a malapena a quota 73mila e in Francia quota 65mila.

"Pertanto - ha detto il titolare del dicastero - potremmo scegliere formule di noleggio a lungo termine, evitando l'acquisto di nuovi mezzi".

Se vuoi aggiornamenti su AUTO BLU: IN FUTURO SARANNO A NOLEGGIO? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 26 gennaio 2012

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.