Smog: a Milano è allarme nonostante l'Area C

Nonostante il calo del traffico a Milano grazie all'introduzione dell'Area C l'emergenza smog non accenna a finire, con valori di PM10 triplicati.

Toyota Prius Model Year 2010

Altre foto »

Nonostante la misura dell'Area C e il conseguente calo del traffico, a Milano la situazione ambientale continua ad essere d'attualità e il livello di polveri sottili aumenta invece di diminuire, rendendo vani gli sforzi delle amministrazioni locali per ripulire l'aria metropolitana.

Secondo i dati diffusi in giornata e relativi a ieri, infatti, le centraline dell'Arpa disseminate in città hanno registrato una vera e propria impennata dei valori delle concentrazioni di polveri sottili, che sono addirittura arrivate a triplicare il tetto massimo fissato come soglia di guardia nella zona del Verziere.

Le apparecchiature hanno registrato una concentrazione di 163 mg/mc di PM10 rispetto a un limite massimo di 50 mg/mc, un valore più che triplo che si accompagna ai dati allarmanti che sono arrivate da altre zone del capoluogo lombardo, come i 133 mg/mc di via Senato e i 134 mg/mc di Città Studi.

Con l'ennesimo superamento dei limiti di polveri sottili Milano conferma in pieno l'emergenza-smog, restando su valori che indicano un altro inquinamento atmosferico per il nono giorno consecutivo nonostante le misure prese.

Se vuoi aggiornamenti su SMOG: A MILANO È ALLARME NONOSTANTE L'AREA C inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 19 gennaio 2012

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.