Cortina, le auto di lusso dei finti poveri

Maxi operazione anti evasione fiscale nella Perla delle Dolomiti. Trovati 133 “poveri” al volante di auto di lusso.

Cortina, le auto di lusso dei finti poveri

di Simonluca Pini

05 gennaio 2012

Maxi operazione anti evasione fiscale nella Perla delle Dolomiti. Trovati 133 “poveri” al volante di auto di lusso.

Vigilia di Capodanno a Cortina d’Ampezzo per 80 agenti dell’Agenzia dell’Entrate. Gli ispettori oltre a far visita ad attività commerciali, bar e ristoranti hanno controllato i redditi di chi guidava una delle 251 automobili di lusso sorprese tra le strade della famosa località dolomitica. Se i controlli singoli sulle auto di lusso è pratica quotidiana da parte della Guardia di Finanza, la nuova “procedura” usata a Cortina per trovare chi evade il fisco ma guida una supercar sarà utilizzata nuovamente dall’Agenzia delle Entrate nelle località vip Italiane.

1.300 euro di stipendio e guidi una Ferrari?

I dati raccolti il 30 dicembre a Cortina D’Ampezzo parlano chiaro: su 133 auto intestate a persone fisiche, ben 42 erano di proprietà di persone che per due anni consecutivi (2009 e 2010) hanno dichiarato redditi inferiori a 30 mila euro lordi, pari ad uno stipendio mensile di 1.300 euro netti. Altre 16 auto erano intestate ad automobilisti con dichiarazioni inferiori ai 50 mila euro lordi e non è andata meglio con le auto intestate a società. Tra le 118 vetture controllate 19 appartenevamo ad attività in perdita e 37 con ricavi di 50 euro anno lordi.

Evasione a 360 gradi

Se i controlli sulle autovetture di lusso hanno portato a molti casi sospetti, con le attività commerciali è andata molto peggio. Durante una giornata passata tra bar, ristoranti e negozi, gli ispettori hanno registrato -rispettivamente – aumenti del 40%, 300% e addirittura 400% rispetto agli incassi del 2010. Dimenticandosi della crisi economica, anche rispetto al giorno precedente sono stati riscontrati aumenti del 104% per i bar. 110% per i ristoranti e 106% per i negozi.

Tanti controlli e molte polemiche

L’operazione di controllo degli ispettori a Cortina d’Ampezzo non è passata certo in sordina. Se i commercianti si sono lamentati per le modalità di controllo utilizzate e per l’intralcio durante un giorno di festa, il sindaco di Cortina ha parlato di “operazione mediatica degna di un film Hollywoodiano” e Luca Zaia, governatore del Veneto, ha ricordato come la vera evasione fiscale sia al sud Italia.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...