Saab, spunta una via di salvezza: pronti nuovi investitori

Nell’intricata vicenda Saab si potrebbe aprire un nuovo capitolo: secondo il CEO Muller ci sarebbero degli investitori interessati all’acquisizione.

Saab, spunta una via di salvezza: pronti nuovi investitori

Tutto su: Saab

di Giuseppe Cutrone

20 dicembre 2011

Nell’intricata vicenda Saab si potrebbe aprire un nuovo capitolo: secondo il CEO Muller ci sarebbero degli investitori interessati all’acquisizione.

La vicenda Saab continua a tenere banco anche il giorno dopo la notizia che il gruppo ha presentato ufficialmente istanza di fallimento presso il tribunale di Vänersborg.

Infatti, nonostante la situazione sembri molto difficile, potrebbe ancora esserci qualche possibilità per non veder sparire il marchio svedese dal settore automobilistico come paventato invece ieri, quando si ipotizzava che a rimanere sul mercato potesse essere solo Saab Aviation, la divisione che si occupa di aerei, sacrificando invece Saab Automobile.

A rendere nota la novità è stato il CEO di Saab, Victor Muller, il quale, parlando in conferenza stampa, ha lasciato aperto uno spiraglio a un possibile lieto fine dicendo: “Ci sono alcuni là fuori che hanno espresso interesse a perseguire una possibile acquisizione di Saab dal fallimento. Anche se questo può sembrare come una fine, non è necessariamente così.”

A quanto pare ci sarebbero degli investitori non meglio precisati che sarebbero interessati a rilevare Saab in caso di bancarotta, assicurando così la ripartenza delle attività e il rilancio del marchio nei prossimi anni dopo che tutti i tentativi di salvataggio dei mesi scorsi sono naufragati, compresa la concreta possibilità dell’ingresso di capitali dalla Cina che, come lo stesso Muller ha spiegato, è saltata per via del veto imposto da General Motors, alla quale fanno capo i brevetti utilizzati da Saab sui suoi modelli e che non vedeva di buon occhio che la sua tecnologia finisse in mani cinesi.