De Tomaso: si defila il socio indiano

Niente socio indiano per la De Tomaso, l'azienda di Gian Mario Rossignolo conferma però la volontà di far partire la produzione della Deuville.

De Tomaso Deauville al Salone di Ginevra 2011

Altre foto »

Non saranno fondi indiani quelli che andranno a finanziare gli ambiziosi piani di De Tomaso. La trattativa con il socio indiano annunciata dalla famiglia Rossignolo, che detiene il controllo della casa automobilistica, si è infatti arenata, bloccando così l'ingresso di nuovi protagonisti nel capitale dell'azienda che non naviga in acque tranquille.

Ad annunciare il fallimento delle trattative tra le parti sono stati i sindacati metalmeccanici dopo aver incontrato i vertici della De Tomaso, con cui si è discusso del rinnovo della casa integrazione in scadenza a fine anno.

A quanto si apprende, lo scoglio che ha fatto naufragare i colloqui è stato l'obbligo, per la famiglia Rossignolo, di fare un passo indietro, cedendo di fatto il controllo dell'azienda al nuovo azionista il quale, dal canto suo, avrebbe versato nelle casse dell'azienda quei capitali necessari a far partire la produzione del SUV di lusso Deauville già annunciato presso lo stabilimento ex-Pininfarina di Grugliasco, per un progetto che coinvolge ben 900 dipendenti.

Con il passaggio del controllo in maniere straniere, affermano i Rossignolo, la produzione della vettura in Piemonte non sarebbe stata affatto sicura e avrebbe così messo a rischio la sopravvivenza della fabbrica ritenuta fondamentale per l'occupazione nell'hinterland torinese.

Nonostante la frenata, però, la famiglia Rossignolo ha dichiarato di voler continuare con la volontà di mandare avanti il progetto, riscuotendo parere favorevole dalla Fiom e facendo restare in sospeso il giudizio delle altre sigle sindacali per il fatto che, nonostante i validi propositi, rimangono non pochi dubbi sulla sostenibilità finanziaria del gruppo.

 

Se vuoi aggiornamenti su DE TOMASO: SI DEFILA IL SOCIO INDIANO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 11 novembre 2011

Vedi anche

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Con l’inizio del nuovo anno arrivano i nuovi aumenti nel 2017 dei pedaggi autostradali caratterizzati da una media dello 0,6%.