BYD: cinesi alla conquista degli Usa

La cinese BYD ha inaugurato la sede di Los Angeles, negli USA ed ha siglato un accordo con la Hertz per la fornitura di veicoli elettrici.

BYD: cinesi alla conquista degli Usa

di Luca Gastaldi

25 ottobre 2011

La cinese BYD ha inaugurato la sede di Los Angeles, negli USA ed ha siglato un accordo con la Hertz per la fornitura di veicoli elettrici.

Lunedì 24 ottobre la BYD Co., produttore cinese di automobili e batterie, ha inaugurato il suo nuovo quartier generale a Los Angeles, negli Stati Uniti, che darà lavoro a circa 150 dipendenti, soprattutto ingegneri e manager. La prima attività svolta dalla BYD in nord America sarà la fornitura di veicoli elettrici alla società di noleggio Hertz che prenderanno servizio all’aeroporto di Los Angeles. Dopo questo primo passo, la BYD affronterà il mercato a stelle e strisce con il suo crossover elettrico “e6“.

L’arrivo negli USA della BYD capita in un momento non troppo florido per l’azienda cinese, che negli ultimi due anni ha visto calare i suoi profitti da 595 a 395 milioni di dollari. Nel 2010, le sue vendite si sono assestate a 519.800 veicoli, mentre nella prima metà di quest’anno hanno raggiunto le 232.400 unità.

Al momento, la gamma BYD comprende il crossover elettrico e6 (motore da 75 kW e quasi 300 km di autonomia), il SUV ibrido S6DM (4WD, motore 2 litri diesel abbinato ad uno elettrico da 10 kW per la trazione anteriore ed un motore elettrico da 75 kW per muore le ruote posteriori), un autobus elettrico e le colonnine di ricarica.

La produzione automobilistica della BYD è iniziata nel 2003 in seguito all’acquisizione della Tsinchuan Automobile Company.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...