Saab: in arrivo il prestito cinese

Confermata la prima tranche dei 70 milioni di euro ricavati dalla cessione di tecnologia in licenza alla cinese Youngman.

Nuova Saab 9-4X

Altre foto »

Dopo tanta tensione ed aria di fallimento qualcosa si muove in soccorso della Saab ed è la prima tranche di prestiti per 70 milioni che la cinese Youngman verserà in base ad un precedente accordo e in cambio di tecnologia in licenza.

Infatti questi soldi, che andranno a coprire la spesa relativa ai salari, hanno fruttato al gruppo cinese l'acquisizione dei diritti d'utilizzo relativi alle componenti tecnologiche presenti sul concept Phoenix.

Presto, precisamente entro il 22 ottobre, altri fondi arriveranno a rimpinguare le casse vuote della Saab. Intanto si attende che il governo cinese approvi l'intesa stretta tra la Saab con la Pang Da, un piano da 245 milioni di euro necessario per poter ripianare i debiti e riprendere l'attività produttiva.

Se vuoi aggiornamenti su SAAB inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 13 ottobre 2011

Altro su Saab

Saab: stop definitivo al marchio svedese
Attualità

Saab: stop definitivo al marchio svedese

Il consorzio NEVS non è riuscito ad acquisire i diritti sul brand: nel 2017 la produzione di auto elettriche inizierà con un nuovo marchio.

Saab potrebbe produrre auto elettriche in Cina
Ecologiche

Saab potrebbe produrre auto elettriche in Cina

Il ritorno di Saab potrebbe passare per l'auto elettrica. NEVS, la società che controlla la casa svedese, aprirà infatti un nuovo impianto in Cina.

Saab 9-3 Aero 2014: in Svezia da 31.510 euro
Anteprime

Saab 9-3 Aero 2014: in Svezia da 31.510 euro

La Saab 9-3 della rinascita sarà in vendita dal 10 dicembre.