Chrysler: nuovo rinvio per l’accordo con il sindacato

Niente accordo tra Chrysler e i sindacati americani per il rinnovo del contratto dei lavoratori. Il nuovo termine è ora il 19 ottobre.

Chrysler: nuovo rinvio per l'accordo con il sindacato

Tutto su: FIAT

di Giuseppe Cutrone

22 settembre 2011

Niente accordo tra Chrysler e i sindacati americani per il rinnovo del contratto dei lavoratori. Il nuovo termine è ora il 19 ottobre.

Si è concluso con un nuovo “nulla di fatto” il tavolo comune tra Fiat-Chrysler e UAW, il sindacato americano del settore, per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto ufficialmente nella giornata di ieri ma prorogato per volontà delle due parti.

Si tratta del secondo rinvio dopo quello registrato il 14 settembre, quando l’assenza del presidente del sindacato Bob King all’incontro previsto con Sergio Marchionne aveva in qualche modo irritato il manager del Lingotto, che aveva affidato a una lettera dai toni freddi il suo risentimento.

Come allora, anche oggi sia Chrysler che lo United Auto Workers hanno comunicato l’intenzione comune di proseguire i negoziati, dandosi tempo fino al 19 ottobre, giorno in cui scadrà la proroga decisa per il contratto attualmente vigente.

Non sono stati resi noti i motivi che hanno portato al nuovo rinvio, ma secondo alcuni osservatori ciò potrebbe essere legato alla volontà dei vertici del sindacato di chiudere prima l’accordo con l’altro gigante dell’auto americana, il gruppo Ford, dando così seguito alla firma raggiunta nei giorni scorsi con General Motors, per poi potersi concentrare esclusivamente sul confronto con il gruppo guidato da Marchionne.