eCall, dal 2015 soccorso "automatico" sulle auto

La Ue ha disposto che entro il 2015 dovrà essere obbligatorio il dispositivo eCall che chiama automaticamente i soccorsi in caso di incidente.

Gli incidenti in Europa, seppur in diminuzione, sono sempre molti ed ogni anno lasciano sull'asfalto migliaia di vite. Per questo l'Ue, attraverso l'operato di Neelie Kroes e Antonio Tajani, vicepresidenti della Commissione e rispettivamente responsabili per la digitalizzazione e l'industria, ha deciso che dal 2015 tutte le auto nuove vendute nel Vecchio Continente monteranno il sistema eCall.

Si tratta di un dispositivo elettronico in grado di chiamare automaticamente 112, il numero europeo d'emergenza, nel caso si verifichi un incidente grave. Attraverso una richiesta immediata infatti, si ritiene che l'arrivo dei soccorsi possa essere più rapido del 40% nelle zone di città e addirittura del 50% in quelle di campagna. Tutto questo potrebbe aiutare a salvare molte vite e a ridurre in maniera significativa le sofferenze dei feriti.

Attivato dai sensori dell'airbag, ma anche attraverso una procedura manuale, l'eCall ha un costo stimato inferiore ai 100 euro per ogni autovettura, ma il suo valore in caso d'incidente è nettamente superiore.

Se vuoi aggiornamenti su ECALL, DAL 2015 SOCCORSO "AUTOMATICO" SULLE AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 09 settembre 2011

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.