Marchionne è il nuovo presidente Chrysler

Sergio Marchionne è stato nominato presidente Chrysler, azienda di cui era già amministratore delegato. New entry anche nel CdA.

Chrysler 300C Model Year 2011

Altre foto »

La Chrysler parla sempre più italiano. Dopo l'acquisizione da parte del gruppo Fiat e dopo la lenta ma inesorabile scalata che il Lingotto ha dato all'azienda di Detroit, ecco che Sergio Marchionne arriva a diventarne il presidente, dopo esserne già stato amministratore delegato e ottenendo così una gestione dell'azienda a 360 gradi.

Il manager italo-canadese, che sostituisce Robert Kidder rimasto in carica 2 anni, presiederà un board che ha visto a sua volta alcuni avvicendamenti, dato che Leo Houle e John Lanaway hanno preso il posto dei dimissionari George Gosbee e Scott Stuart. Houle e Lanaway arrivano dal Cda di Cnh Global, una controllata di Fiat Industrial.

"Il rimborso dei prestiti del Governo con sei anni d'anticipo rispetto a quanto preventivato e il rifinanziamento del debito - misura che consentirà un risparmio di diverse centinaia di miloni di dollari ogni anno - ci danno la convinzione di essere sulla strada giusta per risanare la Chrysler e riportarla, insieme all'alleanza col gruppo Fiat, ai primi posti nel panorama automobilistico mondiale".

Se vuoi aggiornamenti su MARCHIONNE È IL NUOVO PRESIDENTE CHRYSLER inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 07 settembre 2011

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.