Caro carburanti: la Procura apre un'indagine

I giudici della Procura di Lecce hanno aperto un'inchiesta sull'incremento ingiustificato dei prezzi dei carburanti.

Il consistente rialzo dei prezzi dei carburanti - non sempre giustificati dall'andamento del mercato petrolifero - che si sono verificati questa estate, hanno spinto lo "Sportello dei Diritti" a presentare il 19 luglio scorso una denuncia alla Procura della Repubblica di Lecce.

In seguito alla denuncia presentata da D'Agata, i giudici di Lecce hanno aperto un fascicolo contro ignoti per il reato di "rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio" di cui all'art. 501 del codice penale. Sul tema dell'aggiotaggio, il suddetto articolo del codice penale stabilisce che: "Chiunque, al fine di turbare il mercato interno dei valori o delle merci, pubblica o altrimenti divulga notizie false, esagerate o tendenziose o adopera altri artifizi atti a cagionare un aumento o una diminuzione del prezzo delle merci, ovvero dei valori ammessi nelle liste di borsa o negoziabili nel pubblico mercato, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da euro 516 a 25.822".

Com'è noto, l'apertura di un fascicolo dopo la presentazione di una denuncia è un atto dovuto, ma secondo lo "Sportello dei Diritti" ci sono buone speranze che l'apparato giudiziario possa porre rimedio alla speculazione che sta riguardando i prezzi di benzina e gasolio, e che sempre più spesso colpisce in modo indiscriminato i consumatori. Se le indagini avranno un risultato positivo, lo Sportello dei Diritti si costituirà parte civile, con lo scopo di tutelare e far rispettare i diritti dei consumatori rispetto al problema dei rialzi indiscriminati dei carburanti, nonostante i ribassi a livello internazionale del costo del petrolio avvenuti negli ultimi tempi.

Se vuoi aggiornamenti su CARO CARBURANTI: LA PROCURA APRE UN'INDAGINE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 05 settembre 2011

Vedi anche

Multe, valide anche se manca l‘ordinanza sul cartello

Multe, valide anche se manca l‘ordinanza sul cartello

Una sentenza della Cassazione ha definitivamente confermato che la multa risulta valida anche se manca l’autorizzazione sul retro del cartello.

VW: raggiunto l’accordo negli USA per lo scandalo emissioni

VW: raggiunto l’accordo negli USA per lo scandalo emissioni

Il colosso tedesco ha rispettato il termine del 21 aprile raggiungendo un accordo generale con le autorità USA per lo scandalo emissioni.

Mobilità urbana: in aumento ZTL, piste ciclabili e parcheggi a pagamento

Mobilità urbana: in aumento ZTL, piste ciclabili e parcheggi a pagamento

Nelle città italiane risultano in crescita ZTL, aree pedonali e piste ciclabili, insieme ai parcheggi a pagamento.