Aci, Euro NCAP: “Più sicurezza per i pedoni”

Commentando gli ultimi Crash Test Euro NCAP, il presidente dell’Aci auspica che i costruttori auto migliorino la sicurezza dei pedoni in caso d’urto.

Aci, Euro NCAP: "Più sicurezza per i pedoni"

di Andrea Barbieri Carones

25 agosto 2011

Commentando gli ultimi Crash Test Euro NCAP, il presidente dell’Aci auspica che i costruttori auto migliorino la sicurezza dei pedoni in caso d’urto.

La sicurezza di chi viaggia in auto è in costante miglioramento. Ma c’è ancora molto da fare per quanto riguarda i pedoni. Questi i risultati emersi dalla presentazione dei dati Euro NCAP, il programma europeo che valuta la sicurezza dei nuovi veicoli lanciati nel vecchio continente. Promosso dagli Automobile Club di vari Paesi, da compagnie di assicurazione, da costruttori e da 7 governi, ha 3 sistemi di valutazione riguardanti la sicurezza, in caso di collisione, degli adulti e dei bambini che si trovano a bordo e di chi cammina per la strada.

Per quanto riguarda i primi due punti, Enrico Gelpi – presidente Aci – è soddisfatto di quanto hanno raggiunto le Case costruttrici in tutto il mondo. Una certa perplessità, invece, riguarda la sicurezza dei pedoni, per i quali le aziende produttrici dovrebbero prestare – a suo giudizio – più attenzione.

Gli ultimi test hanno riguardato 10 modelli di auto: l’Audi A6, la Bmw X3, le Chevrolet Aveo e Orlando, la Citroen DS5, la Hyundai i40, la Kia Picanto, la Opel Ampera e due Volkswagen: Golf Cabriolet e Jetta. Tutte premiate con il massimo punteggio di 5 stelle, eccetto la Picanto che si è fermata a 4 anche per l’assenza del sistema per il controllo elettronico della stabilità (ESP) nell’equipaggiamento di serie, e che dal prossimo anno sarà obbligatorio per tutti i veicoli di nuova produzione.

Auto sempre più sicure per gli occupanti ma non per i pedoni: Opel Ampera, Audi A6 e Citroen DS5 ottengono infatti i requisiti minimi nella protezione dei pedoni in caso d’urto, ma nessuna delle vetture testate avrebbe ottenuto il massimo dei voti con i più stringenti criteri che saranno introdotti dal 2012.