Mercedes S 63 e S 65 AMG: le “super” per pochi

Ultralussuose e ultrasportive. Gli aggettivi si sprecano per le ammiraglie Mercedes S “riviste” da AMG che arriveranno sul mercato a Giugno

Mercedes S 63 e S 65 AMG: le “super” per pochi

di Francesco Giorgi

21 aprile 2009

Ultralussuose e ultrasportive. Gli aggettivi si sprecano per le ammiraglie Mercedes S “riviste” da AMG che arriveranno sul mercato a Giugno

.

Come saranno le nuove “grosse” Mercedes-AMG? La gamma delle S 63 e S 65, ammiraglie di Stoccarda “elaborate” dal reparto di Affalterbach, presentata in anteprima al Salone di New York, ora è pronta a entrare sul mercato e farà il suo debutto a Giugno.

Parlare di tuning, in questo caso, è riduttivo. In effetti, secondo la filosofia AMG, si tratta di una elaborazione che va oltre la preparazione fine a sé stessa, per giungere alla realizzazione di vetture che, con il modello “di serie”, condividono solo l’impostazione della carrozzeria e una parte della meccanica. Tutto il resto, è stato realizzato quasi ex novo, per conferire alle berline della Casa della Stella a tre punte livelli di potenza e di lusso sportivo che le pongono, di fatto, ai vertici non solo fra le berline, ma nel panorama automobilistico mondiale.

Una “berlina” da 612 CV

Non sarà un’auto per tutti. Al di là del prezzo, che la Casa non ha ancora comunicato ma che è lecito aspettarsi sarà salatissimo, alla portata di pochi facoltosi.

Con la S63 e S65 AMG, siamo di fronte ad un concetto di vettura “super” in tutte le sue manifestazioni. Nella meccanica (6.3 litri V8 per la S 63; 6.5 l V12 alimentato con due turbocompressori la S 65), nella potenza (la Mercedes indica, rispettivamente, 525 e 612 CV, con valori di coppia degni di un camion: 1000 Nm per la S 65 e 630 nella S 63), nelle prestazioni (velocità massima – autolimitata – di 250 km/h per entrambi i modelli, ma accelerazione che potrebbe competere con una GT: da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi la S 63, e 4,4 secondi per la S 65) e nell’equipaggiamento.

Il cambio è lo Speedshift 7G-Tronic per la S63 e Speedshift automatico a cinque marce per la S 65. Entrambi sono montati con leve di selezione al volante di disegno esclusivo AMG.

Esterni: enfasi di sportività

A contribuire all’eccezionale immagine di questi modelli c’è il nuovo scudo del radiatore, che come nel resto dell’alto di gamma Mercedes presenta un nuovo, più pronunciato disegno: ricorda il profilo di una freccia.

Marchio di fabbrica AMG è il vasto spoiler anteriore, un “grembiule” che incorpora il marcato impianto di illuminazione diurna a Led e due prese d’aria su ciascun lato.

Due vistose “minigonne” laterali riprendono le linee dello spoiler anteriore, e si armonizzano con un’applicazione analoga nella parte posteriore, che presenta un diffusore, dipinto nella stessa tinta della carrozzeria, e la doppia coppia di terminali di scarico cromati (una per ogni lato).

L’elemento che contribuisce a distinguere le due versioni (ricordiamo che la S 63 sarà disponibile sia a “passo corto” che a “passo lungo”, mentre per la S 65 ci sarà solamente quest’ultima versione), sta nel differente diametro dei cerchi utilizzati: da 19″ “multi razze” dipinti in Grigio titanio su pneumatici 255/40 (all’anteriore) e 275/40 (posteriori) per la S 63; cerchi da 20″ con finiture a specchio e montati su pneumatici 255/35, all’anteriore, e 275/35 al posteriore, per la S 65.

Se, poi, si vuole “esagerare”, ecco disponibile un kit denominato AMG Performance Studio, che comprende cerchi da 20″ a razze accoppiate, dipinti in Grigio titanio con finiture a specchio e abbinati a pneumatici da 255/35 R 20 all’anteriore e 275/30 R 20 al posteriore; strumentazione esclusiva con elementi in carbonio e “moquette” al pavimento di nuovo tessuto.

Sicurezza: nessun problema nemmeno con il vento laterale

Sulle vetture più grosse e potenti, la sensibilità ai colpi di vento si fa sentire quanto più aumenta la massa. Nelle S 63 e S 65 AMG, le sospensioni basate sul sistema ABC Active Body Control provvedono a garantire una stabilità costante alla vettura in qualsiasi condizione di vento, grazie ad un controllo automatico della stabilità che suddivide all’istante il peso su qualsiasi ruota, grazie all’aiuto dei sensori elettronici del sistema di stabilità ESP.

A quest’ultimo sistema è abbinata la “Coppia di frenata vettoriale”, che permette il controllo della vettura, in curva, agendo sulla ruota posteriore interna. L’impianto frenante si basa sul sistema Adaptive Brake, che fornisce, in base ad ogni frenata, la giusta “forza” ai dischi e, con i sistemi Brake Assist Plus e Distronic Plus, costituiscono un aiuto al conducente nelle frenate di emergenza.

Inoltre, entrambi i modelli garantiscono nuovi standard di sicurezza attiva e passiva, attraverso la combinazione di sistemi di assistenza alla guida basati su radar e su micro-camere.

Durante la guida, la sicurezza è garantita dal sistema di allarme anti-sonnolenza, anti-abbagliamento, di decodificazione della larghezza nelle strade più strette, e dal sistema Pre-Safe ai freni, che “sente” l’approssimarsi di ostacoli voluminosi sulla strada e interviene rallentandol la vettura, indipendentemente dall’azione del guidatore.

Per la sicurezza dei pedoni nelle ore notturne, le S 63 e S 65 AMG sono dotate di un sistema Night View che funziona tramite una videocamera a raggi infrarossi; una seconda videocamera, montata in prossimità del parabrezza, è collegata al sistema Speed Limit Assist.

Stile tutto personale anche per gli interni

La sportività di altissima classe espressa nelle forme esterne, nelle motorizzazioni e negli equipaggiamenti di sicurezza viene replicata all’interno. ‘abitacolo della S63 e della S65 è realizzato in modo da conferire un atout di estrema eleganza, grande sportività e stile personale, una consuetudine della AMG.

Nuove visualizzazioni di controllo sono state predisposte sul display della consolle centrale (che, ricordiamolo, si avvale della nuova tecnologia SplitView introdotta sulla nuova Classe S che permette al conducente di tenere sotto controllo il funzionamento della vettura o la mappa satellitare, e al passeggero di inserire CD e DVD): temperatura dell’olio, marcia inserita, carica della batteria, e il Racetimer, che conteggia le tornate in circuito.

L’equipaggiamento per la S 63 “base” è il Passion, con inserti in pelle ai sedili. E’ comunque previsto un “tocco” in più che comprende sedili anteriori Multicontour, che si adattano alle forme dei passeggeri, a controllo climatico memorizzato e funzione di massaggio. Gli stessi equipaggiamenti che si trovano sulla S 65, ma in quest’ultima con ulteriori rifiniture di lusso.

La S63 e la S65 AMG, dunque, si confermano, ancora prima del loro arrivo nei listini della Mercedes, atteso per Giugno, come due berline fra le più potenti al mondo.