Daimler: Maybach lascia o raddoppia

Il destino del nuovo modello dipende dalla partnership con Aston Martin e da un eventuale allargamento della gamma.

Daimler: Maybach lascia o raddoppia

di Valerio Verdone

14 giugno 2011

Il destino del nuovo modello dipende dalla partnership con Aston Martin e da un eventuale allargamento della gamma.

La Maybach, sfarzosa limousine tedesca dal costo inarrivabile, sembra essere giunta al capolinea e il suo destino dipende da nuove strategie commerciali. Infatti, il modello attuale non convince i ricchi del pianeta che preferiscono l’originalità di altre vetture blasonate, come Rolls-Royce e Bentley, ai contenuti dell’ammiraglia teutonica. Per questo urge una decisione rapida e risolutiva, in modo da scongiurare l’accantonamento di un marchio tanto elitario quanto debole sul mercato.

La soluzione potrebbe essere un’alleanza con l’Aston Martin per produrre la nuova generazione della Maybach, creando una vettura più originale e affascinante del modello attuale che è fin troppo simile ad una Mercedes. Si parla anche di un allargamento della gamma verso il basso con un modello derivato dalla Mercedes Classe S.

Il destino del marchio dunque è appeso ad un filo, e potrà essere reso noto a partire dal 30 giugno: quando scadrà il termine utile per avviare o meno la paventata collaborazione commerciale.

Per il momento, Daimler dovrà fare i conti con un bilancio di vendite negativo che ha portato alla produzione di sole 157 automobili in tutto il 2010. Numeri decisamente in rosso, se si considerano le previsioni del piano industriale che prevedeva di vendere ben 1.500 Maybach ogni anno.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...