Lamborghini: il SUV avrà il pianale della Panamera

Lamborghini ripensa ad un SUV ad alte prestazioni, che potrebbe essere s0viluppato sul pianale modificato della futura Porsche Panamera.

Lamborghini: il SUV avrà il pianale della Panamera

di Francesco Donnici

14 giugno 2011

Lamborghini ripensa ad un SUV ad alte prestazioni, che potrebbe essere s0viluppato sul pianale modificato della futura Porsche Panamera.

Qualche mese fa le dichiarazioni del presidente di Lamborghini Stephan Winkelmann parevano aver smentito in modo categorico un eventuale ritorno nel segmento dei SUV sportivi. Ma ora, secondo indiscrezioni, i vertici di Volkswagen vorrebbero sfruttare le sinergie del Gruppo per la futura produzione di un 4×4 di lusso ispirato alla Lamborghini LM002 degli anni ’80.

Nel mese di dicembre, in una lunga intervista ufficiale, Winkelmann aveva spento gli entusiasmi su un possibile ritorno del LM002, a favore di un probabile debutto della versione di serie della quattro porte sportiva Estoque, presentata come prototipo al Salone di Parigi 2008 e considerata dal presidente una vettura con maggiori possibilità di successo commerciale rispetto al già citato SUV.

Ora però sembra che il la Casa del Toro stia ritornando sui suoi passi dopo aver preso in considerazione l’uso del pianale della prossima generazione della Porsche Panamera come base per la realizzazione del futuro 4×4 del Costruttore italiano. Questa decisione non peserà però sul futuro della Estoque, perchè la poliedrica piattaforma della Casa di Zuffenhausen sarà utilizzata – con le opportune modifiche – anche sulla quattroporte emiliana, completando una sinergia tra i vari marchi del Gruppo che punta ad abbassare i costi di produzione e  quindi ad aumentare i profitti.   

L’inedito pianale in realtà avrà altre svariate applicazioni: sarà infatti utilizzato anche su altri modelli di alta gamma come la futura ammiraglia sportiva Audi A9, la prossima generazione del SUV Q7, ovviamente sulla Cayenne e infine sull’attesa Bentley compatta. Lo scopo del costruttore teutonico è quello di moltiplicare l’offerta delle vetture di lusso in modo da sopperire alla continua richiesta, che risulta sempre in costante e forte crescita, di paesi come la Cina, la Russia e l’India, oltre ai paesi arabi già da tempo affezionati clienti di questo settore. Inoltre tutti i paesi appena citati non sempre dispongono di una rete stradale adeguata per sfruttare vetture ad alte prestazioni e dal basso baricentro, cosa che invece il futuro SUV Lamborghini potrebbe affrontare senza problemi.

L’obiettivo di questa strategia sarebbe quello non tanto nascosto di “sorpassare” la produzione dell’eterna rivale Ferrari, intenzionata secondo le parole delllo stesso presidente Montezemolo a rimanere fuori dai succulenti segmenti di berline e SUV sportivi. Queste due tipi di vetture infatti verranno “coperte” dal brand Maserati che oltre ad avere nella propria gamma la Quattroporte, ha in cantiere un SUV sportivo su base Jeep Grand Cherokee e una berlina sportiva di segmento “E”, soprannominata “baby” Quattroporte.

A questo punto non resta che attendere qualche conferma, o eventuale smentita dalla Casa del Toro che fino a questo momento si è limitata a dichiarare che non vengono escluse sinergie con gli altri marchi del Gruppo Volkswagen.