Lexus prepara l'erede della LFA

Il marchio premium di Toyota sta lavorando alla seconda generazione della sua sportiva. Obiettivo: rubare la scena alla futura Nissan GT-R.

Lexus LF-A

Altre foto »

Secondo indiscrezioni il marchio premium del gruppo Toyota starebbe lavorando all'erede della Lexus LFA. Al momento identificata con la semplice sigla LFA II, la vettura attualmente in fase di sviluppo dovrebbe avere una connotazione maggiormente sportiva rispetto alla prima versione.

Cosa che la porrebbe un gradino più in alto sia in termini di prestazioni che di prezzo finale. Non è un caso forse che i rumors sulla Lexus LFA II giungano proprio in coincidenza con quelli che interessano la diretta rivale Nissan GT-R di cui la casa giapponese sta preparando una nuova versione. Entrambe le vetture quindi potrebbero addirittura essere realizzate in una versione speciale con allestimenti e dotazioni "ad hoc".

Tornando a Lexus, secondo quanto trapelato la nuova LFA II dovrebbe soprattutto guadagnare una dose aggiuntiva di cavalli visto che la prima generazione era quasi interamente realizzata impiegando massicciamente fibra di carbonio. Va da sé quindi che gli ingegneri non potevano ulteriormente alleggerire una vettura del genere, decidendo di intervenire al contrario sul propulsore.

Se vuoi aggiornamenti su LEXUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 06 giugno 2011

Altro su Lexus

Lexus: sviluppato il primo hoverboard  a levitazione magnetica
Curiosità

Lexus: sviluppato il primo hoverboard a levitazione magnetica

Il brand giapponese ha dichiarato di aver inventato la prima tavola capace di lievitare a mezz’aria.

Lexus NX F-Sport: la prova su strada
Prove su strada

Lexus NX F-Sport: la prova su strada

Con una linea affascinante, la Lexus NX conquista la scena nel segmento dei SUV compatti.

Lexus IS Hybrid: il debutto nella flotta Hertz
Aziendali

Lexus IS Hybrid: il debutto nella flotta Hertz

I clienti delle agenzie Hertz di Milano da oggi potranno noleggiare la IS Hybrid che permette il libero accesso all’area C del capoluogo lombardo.