Mazda: la futura RX-9 avrà lo schema ibrido Toyota?

La sostituta della sportiva RX-8 popotrebbe ereditare il motore rotativo Wankel abbinato allo schema ibrido di Toyota.

Mazda: la futura RX-9 avrà lo schema ibrido Toyota?

Tutto su: Mazda

di Francesco Donnici

26 maggio 2011

La sostituta della sportiva RX-8 popotrebbe ereditare il motore rotativo Wankel abbinato allo schema ibrido di Toyota.

Secondo indiscrezioni Mazda starebbe progettando una nuova sportiva, erede dell’innovativa RX-8, equipaggiata da uno schema ibrido derivato da quello utilizzato da Toyota sulla Prius accoppiato ad un propulsore Wankel a combustione interna di tipo rotativo, come quello già utilizzato nel 2003 dalla citata coupè giapponese.

Secondo un accordo firmato nel 2010, la Casa di Hiroshima potrebbe utilizzare la tecnologia ibrida di Toyota grazie a una licenza specifica che permetterà a Mazda di lanciare sul mercato la sua prima ibrida a partire già dal 2013. L’auto in questione potrebbe essere quindi proprio l’erede della famiglia di vetture sportive RX, se così fosse è lecito aspettarsi l’utilizzo del nome RX-9

Quindi se le voci fossero confermate, potremmo parlare della prima vera sportiva ibrida dotata di trazione posteriore, prodotta in grande serie. Vale la pena ricordare che uno schema ibrido può compensare la coppia relativamente bassa che affligge i motori rotativi e gli eccessivi consumi di carburante e di olio che di solito su questi propulsori è particolarmente elevato.

Esteticamente la futura “RX-9” dovrebbe abbandonare l’estrosa soluzione della porta controvento, per abbracciare uno schema più classico in stile MX-5, con cui dovrebbe condividere anche il pianale e l’architettura di base.