Volkswagen Golf Cabrio: il cielo in 9 secondi

Volkswagen presenta la nuova Golf Cabriolet, un classico della Casa tedesca equipaggiata con una capote in tela apribile in soli 9 secondi.

Golf Cabrio story

Altre foto »

Dopo l'anteprima mondiale all'ultimo Salone di Ginevra, la Volkswagen Golf Cabrio si svela in tutti i suoi dettagli, accompagnati da un'ampia galleria fotografica che mostra la nuova scoperta di Wolfsburg in tutti i particolari.

Un classico sempre di moda

Arrivata alla quarta generazione, la Golf Cabrio si può considerare un vero classico per Volkswagen con oltre 680.000 unità vendute tra il 1979 e il 2002, anno in cui la cabriolet tedesca ha abbandonato il mercato per far posto alla Volksawagn Eos, una scoperta con dimensioni leggermente maggiori e un tetto in metallo ripiegabile, che però non è riuscita ad ottenere il successo sperato dai vertici del costruttore tedesco.

Nove secondi per "toccare il cielo"

Ovviamente la novità più importante di questo nuovo modello è il tetto in tela multistrato dotato di azionamento elettrico, capace di ripiegare in appena nove secondi  - fino ad una velocità di 30 km/h - la capote nell'apposito vano. Tra le peculiarità di questa nuova cabriolet troviamo anche l'ottima capacità di carico pari a 250 litri, disponibili anche con il tetto completamente abbassato, rendendo così possibile la capacità di viaggiare con il tetto aperto anche a pieno carico. Inoltre la possibilità di abbattere il divano posteriore a metà aumenta ancora di più la versatilità della vettura.

Sicurezza e comfort ai vertici della categoria

La scelta di adottare una capote in tela per la Golf Cabrio non ha penalizzato assolutamente il livello di insonorizzazione e di comfort della vettura, che risulta particolarmente silenziosa durante la marcia a qualsiasi velocità. Grazie alla capote multistrato dotato di un sofisticato design e alla applicazione di inedite guarnizioni ai finestrini e alle portiere, la Golf Cabriolet risulta più silenziosa delle dirette concorrenti. Ovviamente anche la sicurezza non è stata messa in secondo piano, infatti la convertibile teutonica è stata equipaggiata con un sofisticato dispositivo antiribaltamento che in caso di incidente attiva in pochi millisecondi i roll-bar a scomparsa, adottati al posto dell'antiestetico roll-bar fisso della precedente generazione, mentre il montante del parabrezza è stato ulteriormente rinforzato.

Un solo allestimento e quattro pacchetti di personalizzazione

La Volkswagen Golf Cabrio sarà disponibile con un solo allestimento personalizzabile con i 4 pacchetti denominati Performance, Design & Style, Comfort, Technology. Le caratteristiche dei singoli pacchetti sono disponibili anche separatamente: coloro che desiderano aumentare ulteriormente il grado di personalizzazione della Golf Cabrio possono attingere infatti alla lunga lista di accessori a pagamento tra cui troviamo il dispositivo per il parcheggio automatico  ParkPilot, l'assetto sportivo che abbassa il baricentro della vettura di ben 15 mm, il climatizzatore automatico Climatronic, i rivestimenti in pelle pelle, l'impianto audio RCD 310 con CD-Mp3 e sistema di navigazione satellitare incorporato o il RNS 510 che comprende il lettore DVD, hard disk da 30 GB e schermo touchscreen e molto alto ancora. L'ampia scelta cromatica prevede nome livree esterne e altrettanti tipi di accostamenti di colori per gli interni. Per quanto rigurda la gamma dei propulsori, la nuova convertibile di Volkswagen ricalcherà la maggior parte dei motori della Golf due volumi, sia benzina che diesel, caratterizzati tutti da una sovralimentazione.

Diesel e benzina tutti sovralimentati

Per quanto riguarda l'offerta dei motori alimentati a benzina si parte dal 1.2 litri TSI da 105 CV (consumi di 5,9 litri/100km e emissioni pari a 139 g/km di CO2), seguito da due 1.4 litri TSI, rispettivamente da 122 CV ( 6,4 l/100 km e 149 g / km di CO2) e 160 CV (6,4 l/100 km e 150 g/km di CO2), fino ad arrivare al top di gamma rappresentato dal 2.0 litri TFSI da 210 CV (7,5 l/100km e 175 g / km di CO2). Quest'ultimo propulsore - lo stesso che equipaggia la sportiva Golf GTI - promette un'accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 7,3 secondi e una velocità di massima di ben 235 km/h.

I motori diesel si limitano invece a sole due unità rappresentata dai validi e parsimoniosi 1.6 litri TDI da 105 CV (4,8 l/100 km e 125 g / km di CO2) e 2.0 litri TDI da 140 CV (4,5 l/100 km e 119 g / km di CO2). Tutti i propulsori sono equipaggiati di serie da un cambio manuale a sei rapporti, in alternativa - le versioni più potenti -  possono essere equipaggiata con il tecnologico cambio a doppia frizione DSG a sei o a sette marce.

Tecnologia BlueMotion per consumi ed emissioni

Per chi vuole ottimizzare ancora di più i consumi di carburante e le emissioni inquinanti può optare per gli allestimenti BlueMotion che prevedono una serie di dispositivi come il sistema Stop&Start , il recupero dell'energia cinetica durante le frenata e gli pneumatici a bassa resistenza al rotolamento. La tecnologia BlueMotion può essere abbinata al propulsore a benzina 1.2 litri TSI da 105 CV (5,7 l/100 km e 132 g / km di CO2) ed a entrambi i motori diesel da 1.6 litri TDI e 105 CV (4,4 l/100 e 117 g / km di CO2) e il 2.0 litri TDI da 140 CV.

La Golf Cabrio è già ordinabile in Germania ad un prezzo di partenza di 23.625 euro, riferito alla versione equipaggiata dal motore a benzina 1.2 litri TSI da 105 CV, un prezzo veramente concorrenziale se si considerano i contenuti tecnologici, il blasone e la qualità complessiva della vettura.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN GOLF inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 03 maggio 2011

Altro su Volkswagen Golf

Salone di Los Angeles: nuova Volkswagen e-Golf
Anteprime

Salone di Los Angeles: nuova Volkswagen e-Golf

Anche la versione elettrica di Golf si rinnova: 300 km di autonomia,tempi di ricarica ridotti e una nuova dotazione di bordo. Sarà in Europa nel 2017.

Volkswagen Golf 2017: le immagini del restyling
Anteprime

Volkswagen Golf 2017: le immagini del restyling

La Volskwagen Golf si concede un sapiente restyling che affina l’estetica della vettura e la riempie di sofisticate tecnologie multimediali.

Volkswagen Golf 2017: aspettando il restyling
Anteprime

Volkswagen Golf 2017: aspettando il restyling

Secondo i rumors ci saranno meno versioni e nuovi motorizzazioni.