Seat IBX: verrà prodotta su base Audi Q3?

Dagli stabilimenti Seat di Martorell potrebbe nascere insieme alla futura Audi Q3, anche un SUV sportivo compatto targato Seat.

Seat IBX: verrà prodotta su base Audi Q3?

Tutto su: SEAT

di Francesco Donnici

29 aprile 2011

Dagli stabilimenti Seat di Martorell potrebbe nascere insieme alla futura Audi Q3, anche un SUV sportivo compatto targato Seat.

Seat, dopo essersi aggiudicata la produzione dell’Audi Q3 nello stabilimento della Casa spagnola a Martorell nei pressi di Barcellona, secondo indiscrezioni potrebbe realizzare anche un nuovo SUV derivato dalla concept IBX e costruito sulla base del crossover compatto dei Quattro anelli.

Presentata ufficialmente all’ultimo Salone di Ginevra, la Seat IBX si presenta come un crossover compatto e sportivo, caratterizzato da linee tese e spigoli vivi. A parte alcune caratteristiche tipiche delle show-car che scompariranno sulla versione di serie (gli specchietti dotati di telecamera e i gruppi ottici anteriori troppo sottili), la IBX sembra un prodotto molto concreto e in linea con i recenti stilemi della Casa spagnola. Con ogni probabilità saranno lasciate intatte le forme sportive e accattivanti di questa vettura, ingredienti fondamentali che hanno reso di moda questo tipo di vetture. Il futuro modello Seat utilizzerà lo stesso pianale dell’Audi Q3, e se dovesse adottare anche lei la soluzione delle cinque portiere – al posto delle tre aperture  viste sul prototipo ginevrino – le sue misure non dovrebbero essere inferiori ai 4,30 metri di lunghezza.

Per quanto riguarda la parte meccanica, la nuova Seat potrà pescare dall’enorme know-how tecnologico del Gruppo Volkswagen: tra i propulsori più accreditati ci sono sicuramente i diesel 2.0 litri TDI declinati nelle potenze da 140 e 170 CV. Per quanto riguarda i propulsori a benzina, il SUV spagnolo potrà contare sul 1.4 litri TSI, utilizzato anche dalla Volkswagen Tiguan e sul potente 2.0 litri TFSi da 211 CV che potrebbe piazzarsi come versione top di gamma. Proprio come per la Tiguan, anche la futura Seat sarà proposta sia con una trazione integrale “base” – destinata alle motorizzazioni meno potenti – che con la raffinata trazione integrale Audi, dotata di giunto centrale multidisco della Haldex.

Una delle incognite principali di questa vettura è sicuramente il futuro prezzo di listino che determinerà il posizionamento del modello nell’ampia offerta del Gruppo. Sicuramente la Seat IBX costerà molto meno dei 29.900 euro necessari per entrare in possesso del Q3, ma non potrà discostarsi troppo, visto l’alto contenuto tecnico, dai 25.750 euro della Volkswagen Tiguan, rischiando di conseguenza un’eventuale sovrapposizione di mercato.