Ford Taurus: ammiraglia a stelle e strisce

Ford presenta la Ford Taurus 2013, versione migliorata dell’apprezzata ammiraglia americana disponibile anche nella versione sportiva SHO.

Ford Taurus 2013

Altre foto »

Ford ha annunciato il debutto della nuova Taurus 2013, l'ammiraglia della Casa dell'Ovale blu destinata al mercato nord americano che si rinnova nell'aspetto e nei propulsori: quest'ultimi sono ora più potenti e nello stesso tempo più parchi nei consumi e nelle emissioni.

Ammiraglia 100% yankee

Rispetto al nuovo modello lanciato nel 2010, la quattro porte americana affina alcuni dettagli estetici come il nuovo cofano motore, ora più muscoloso, così come le fiancate che adottano nuove ruote in lega di maggiori dimensioni, mentre i gruppi ottici anteriori e posteriori guadagnano la tecnologia LED. Le maggiori modifiche estetiche si notano però negli interni che si arricchiscono di materiali di maggiore qualità e morbidi al tatto, la consolle centrale leggermente obliqua incorpora il nuovo sistema multimediale Ford SYNC, dotato dell'inedito schermo tattile MYFORD Touch da cui si possono controllare i comandi del navigatore satellitare, il controllo vocale per numerose funzioni del veicolo, oltre ad essere perfettamente integrato con il sistema hi fi della Sony (comprensivo di lettore CD Mp3, connessione iPod e Bluetooth). Anche la strumentazione posizionata dietro l'inedito volante a tre razze con comandi al volante, dispone di uno schermo multifunzionale che riprende le informazioni del MYFORD Touch, permettendo al guidatore di non distogliere lo sguardo dalla strada, evitando così pericolose distrazioni.

Ma la lista di dispositivi elettronici presenti sull'ammiraglia yenkee risulta ben più lunga. La versione 2013 della Taurus include infatti i nuovi sedili Multicontour dotati funzione Active Motion che contribuiscono ad alleviare la fatica del conducente e del passeggero attraverso un leggero e rilassante massaggio. Segnaliamo anche il keyless system che permette l'apertura delle portiere e l'avvio del motore senza estrarre la chiave dalla tasca, i proiettori che rilevano il passaggio di altre vetture e passano dalle luci abbaglianti a quelle anabbaglianti in modo totalmente automatico, ma anche i vetri che diventano più scuri a seconda dell'irraggiamento solare o la telecamera per facilitare le manovre di parcheggio e tanto altro ancora.

Due propulsori da 237 e 290 CV

La gamma dei propulsori della Ford Taurus si articola in due unità a benzina tra cui un l'EcoBoost 2.0 litri turbo da 237 CV e 338 Nm di coppia massima e un poderoso V6 3.5 litri capace di erogare 290 CV. Entrambi i motori sono abbinati ad una trasmissione automatica a sei marce, ottimizzata per far girare il motore a bassi regimi quando la potenza del propulsore non viene richiesta dal conducente, in modo da abbassare i consumi e le relative emissioni inquinanti. L' "anima verde" della Taurus viene sottolineata da alcuni accorgimenti elettronici e meccanici studiati per abbassare ulteriormente i consumi, come il servosterzo elettrico EPAS, la batteria della vettura intelligente, climatizzatore con funzionalità ECO e i lubrificanti dall'attrito ridotto.

Taurus SHO

Come da tradizione Ford, l'arrivo di una nuova generazione della Taurus è sempre accompagnata dalla variante sportiva denominata Taurus SHO che porta in dote alcune modifiche estetiche in chiave sportiva che non compromettono la sobrietà della vettura, oltre a montare un potente propulsore V6 da 365 CV.

Come accennato, la SHO si differenzia esteticamente dalla Taurus "standard" per numerose modifiche che la rendono più aggressiva e sportiva: la grande mascherina centrale abbandono i listelli cromati per una inedita griglia a nido d'ape di colore nero, la vista laterale invece guadagnano cerchi in lega da 19 pollici ricoperti da pneumatici ad alte prestazioni P255/45VR-19, mentre in opzione si possono scegliere cerchi da 20 pollici ancora più sportivi. Le modifiche che riguardano la coda della vettura sono limitate all'adozione di un piccolo spoiler aerodinamico posizionato sul baule posteriore e i due nuovi scarichi cromati posizionati lateralmente. L'abitacolo di questa versione sportiva conserva il design moderno e tecnologico della Taurus, arricchendolo con qualche dettaglio dal piglio "racing" come la pedaliera in alluminio traforato e dai nuovi sedili sportivi ad alto contenimento rivestiti in pelle, che riportano il logo SHO impresso nella parte centrale.

EcoBoost da 365 CV

Il punto forte della Taurus SHO sono ovviamente le prestazioni offerte dal potente e sportivo propulsore EcoBoost V6 3.5 litri capace di offrire  365 CV e 475 Nm di coppia massima attraverso il cambio automatico 6F55 SelectShift dotato di sei rapporti e di funzionalità manuale.

Le maggiori prestazioni offerte dalla vettura, rispetto alla versione "normale" della berlina della Casa di Detroit hanno richiesto un adeguamento dell'impianto frenante e del sistema di sospensioni. Per il reparto freni è stato utilizzato un nuovo sistema dotato di dischi autoventilati  di maggiori dimensioni morsi da pinze a sei pistoncini, il tutto coadiuvato da un controllo di stabilità ESP riprogrammato che permette anche la possibilità di disinserimento. Le sospensioni adottano nuove molle più corte e rigide che permettono inserimenti in curva più rapidi ed eliminano qualsiasi fastidioso rollio e beccheggio.

Se vuoi aggiornamenti su FORD inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 20 aprile 2011

Altro su Ford

Ford Fiesta 2017: ecco la settima generazione
Anteprime

Ford Fiesta 2017: ecco la settima generazione

La nuova Ford Fiesta 2017 vanta tanta tecnologia e un look che strizza l’occhio alle monovolume.

Ford KA+, un piccolo grande plus
Ultimi arrivi

Ford KA+, un piccolo grande plus

Con due porte in più rimane agile e aumenta l’offerta di comfort. Si avvicina alla Fiesta, che però nel 2017 crescerà in una nuova generazione.

Ford Kuga restyling 2017: primo contatto
Ultimi arrivi

Ford Kuga restyling 2017: primo contatto

Sulle strade che portano a Capo Nord per scoprire la nuova Ford Kuga restyling 2017.