Volkswagen Beetle 2011: il mito riparte da Shanghai

VW ha presentato la nuova Beetle, evoluzione del modello diventato un’icona nel mondo dell’auto e non solo. Il debutto al Salone di Shanghai.

Volkswagen Beetle 2011: il mito riparte da Shanghai

di Redazione

18 aprile 2011

VW ha presentato la nuova Beetle, evoluzione del modello diventato un’icona nel mondo dell’auto e non solo. Il debutto al Salone di Shanghai.

Il Maggiolino del 21esimo secolo è finalmente arrivato. Dopo il lungo lavoro di sviluppo, la nuova Volkswagen Beetle è stata presentata oggi con un evento in contemporanea su tre continenti e trasmesso in streaming dalla Cina, dove sarà svelato ufficialmente giovedì in occasione del Salone di Shanghai 2011.

La conferenza ha brevemente ripercorso la storia del Beetle, un modello nato nel 1938 per motorizzare la Germania che ha visto il successo internazionale a partire dal dopoguerra. E’ chiaro che dalle parti di Wolfsburg vogliono ricollegarsi a quella tradizione, dimenticando senza troppi rimpianti la sfortunata New Beetle di fine anni ’90.

Rinnovare un modello così forte aveva la sua dose di rischio, ma il lavoro svolto da Walter De Silva sembra aver centrato l’obiettivo grazie a una linea moderna ma al contempo ricca di richiami al passato. A partire dai passaruota bombati, dai gruppi ottici circolari e dal padiglione curvo, che presenta però una discontinuità in corrispondenza del parabrezza ed è più piatto nella parte centrale. Certo, chi si aspettava una riproduzione fedele del Maggiolino di una volta rimarrà deluso. Ma la nuova Beetle è stata pensata come evoluzione di quel modello diventato icona e non come semplice operazione nostalgia.

In questo senso si spiegano i contenuti d’avanguardia che attingono dalla più recente tecnologia Volkswagen. I fari ora sono bi xeno con luci diurne a LED e contribuiscono a ricreare l’espressione simpatica alla Herbie, il protagonista del celebre film della Disney che ha fatto la sua immancabile comparsa durante la presentazione di oggi (18 aprile).

Disponibile in tutto il mondo in tre allestimenti (Beetle, Design e Sport) il nuovo Maggiolino vanta dotazioni da segmento premium come il sistema di avviamento Keyless, il tetto panoramico e l’esclusivo sistema audio Fender, realizzato in collaborazione con Panasonic e pensato per gli amanti del Rock, che potranno ordinare un diffusore bassi da 400 Watt.

Sotto il cofano la Beetle monta gli ultimi propulsori diesel e benzina della gamma VW: si va dal 1.6 TDI capace secondo la Casa di percorrere 4,3 litri/100 km ai motori benzina con potenze comprese tra 105 e 200 CV. Il nuovo Maggiolino sarà ordinabile nelle concessionarie a partire dell’autunno.