Alpina Bmw B6 biturbo: aspettando la M6

Alpina anticipa l’inedita B6 Biturbo realizzata sulla base della Bmw Serie 6 coupé e caratterizzata da maggiore lusso e sportività.

Alpina Bmw B6 biturbo: aspettando la M6

Tutto su: Alpina B6

di Francesco Donnici

22 marzo 2011

Alpina anticipa l’inedita B6 Biturbo realizzata sulla base della Bmw Serie 6 coupé e caratterizzata da maggiore lusso e sportività.

Dopo poche settimane dalla presentazione ufficiale della Bmw Serie 6 coupé, il costruttore Alpina ha annunciato l’arrivo della propria interpretazione basata sulla sportiva bavarese, che prenderà il nome di Alpina B6 Biturbo.

La Alpina non può essere considerata un semplice preparatore di automobili, ma un vero e proprio brand di vetture sportive realizzate utilizzando come punto di partenza la produzione della Casa dell’Elica. Fondata nel 1961 dall’allora giovanissimo Burkard Bovensiepen, la Alpina lavora a stretto contatto con Bmw che le fornisce in forma semi-ufficiale i componenti e alcune parti meccaniche che poi vengono assemblate secondo le caratteristiche e i gusti del Casa, che comunque rimane economicamente indipendente dal Costruttore di Monaco.

Dettagli esclusivi dentro e fuori

La Casa tedesca per il momento ha rilasciato solo i primi due rendering della coupé ad alte prestazioni che potrebbe far dimenticare ai suoi potenziali acquirenti la sportivissima versione “M” della Bmw Serie 6, almeno fino al suo debutto atteso fra più di un anno. Esteticamente la B6 porta in dote i tipici stilemi a cui ci ha abituato Alpina: partendo dal frontale si nota il nuovo fascione paraurti che ingloba le grosse prese d’aria destinate agli intercooler e lo splitter aerodinamico realizzato in fibra di carbonio, mentre  la vista laterale è i dominata dai generosi cerchi in lega a raggi Alpina Classic da 20 pollici. La coda sembra invece la parte esteticamente più riuscita e aggressiva, il merito va all’inedito paraurti che integra i nuovi scarichi sportivi cromati, dall’aspetto più che minaccioso.

Gli interni non sono stati ancora svelati, ma è facile immaginare il lavoro certosino e la tipica attenzione per i dettagli che svolgeranno gli “artigiani-operai” dell’atelier tedesco. Secondo la tradizione Alpina nell’abitacolo si farà uso di materiali pregiati come gli inserti in legno Myrtle Burl e i rivestimenti in pelle Nappa.

Un cuore V8 da 507 cavalli

La Alpina B6 utilizza il V8 4.4 litri di origine Bmw che grazie all’aiuto di due turbocompressori raggiunge la potenza di 507 CV e la coppia massima di 700 Nm. L’abbondanza di cavalli è in grado di spingere la vettura ad una velocità massima che supera i 300 km/h, mentre lo scatto da 0 a 100 km/h viene bruciato in soli 4,7 secondi. La potenza è scaricata sulle ruote posteriore tramite la trasmissione a 8 rapporti Switch-Tronic realizzata dalla ZF e caratterizzata da una modalità automatica e da quella manuale, controllabile tramite i comandi al volante.