BMW X5 M ed X6 M: quando Motorsport fa rima con SUV

La M dove non ti aspetti: BMW presenta a New York X5 M ed X6 M, le più potenti e veloci fra i SUV in circolazione

New York, Stati Uniti. Laddove la crisi del settore auto si è fatta sentire più forte e Obama ha praticamente imposto ai costruttori di casa di impegnarsi a costruire auto più piccole, efficienti e meno assetate, BMW presenta due novità che forse suoneranno politically incorrect ma che comunque confermano che cavalli e prestazioni attirano e attireranno sempre e comunque il pubblico, o perlomeno una fetta di mercato non trascurabile. 

Al prossimo Salone di New York fra le più interessanti prime mondiali ci sarà infatti l'esordio delle BMW X6 M ed X5 M, entrambe versioni ad altissime prestazioni dei due SUV bavaresi che segnano il debutto della prestigiosa etichetta Motorsport sui modelli della Serie X e più in generale su quelli a trazione integrale dell'Elica.

Controsenso? Forse, ma bisogna considerare che i concorrenti nel ristretto ed esclusivo segmento dei SUV da oltre 500 CV sono tutti tedeschi: Mercedes, con la eterna Classe G 55 AMG e la ML 63 AMG, Audi con la Q7 6.0 V12 TDI e soprattutto Porsche con la Cayenne Turbo S che finora era la più potente e prestazionale del lotto. BMW entra ora di prepotenza in questa nicchia non con una, ma con due proposte che superano, almeno sulla carta, la concorrenza.

I SUV più potenti della categoria

Con il nuovo propulsore M TwinPower Turbo V8 di 4395 cc X6 ed X5 M si pongono infatti al vertice. Basta citare i numeri: 555 CV a 6000 giri e 680 Nm disponibili fra 1500 e 5650 giri ed una  accelerazione per entrambe da 0 a 100 km/h in 4,7 secondi, davvero notevole per una massa a vuoto di 2380 kg. La velocità è come d'uso limitata a 250 km/h, ma è possibile potenziare la velocità massima a 275 km/h acquistando a parte il M Driver's Package, una opzione che comprende anche un training in circuito sotto la guida degli istruttori BMW.

Numeri da GT, consentiti da questo nuovo propulsore 4.4 litri che è in predicato di passare agli altri modelli M di Monaco e rappresenta il massimo sviluppo sinora raggiunto dai tecnici tedeschi. La sua principale innovazione è una particolare configurazione del collettore di scarico con quattro condotti indipendenti che riunisce i flussi provenienti dai cilindri di entrambe le bancate eliminando le controcorrenti. I due turbocompressori twin-scroll sono posizionati in mezzo alla V delle due bancate, in maniera analoga a quanto fatto sulle X6 xDrive50i e 750i, ma si avvalgono di condotti più larghi e corti, così come di un impianto di scarico privo di curvature.

Inutile chiedere però economia d'esercizio, perché un consumo di 13,9 litri ogni 100 chilometri e le conseguenti emissioni di CO2 di ben 325 g/km indicano che queste due sono auto davvero estreme.

Però anche su questi due bolidi a ruote alte è stato adottato l'ormai arcinoto pacchetto EfficientDynamics che, attraverso il sistema di recupero dell'energia in frenata, comanda le funzioni di bordo (come la pompa carburante o il climatizzatore) gestite elettricamente a seconda del fabbisogno e non meccanicamente attraverso il propulsore, in modo da diminuire gli assorbimenti di energia di quest'ultimo. Altrimenti il conto del benzinaio sarebbe più salato e difficilmente si sarebbe raggiunta la certificazione Euro 5 e quella americana LEV II.

Altro su BMW X5

Nuova Bmw X5 by AC Schnitzer
Tuning

Nuova Bmw X5 by AC Schnitzer

Il tuner tedesco ha diramato foto e dati tecnici ufficiali relativi alla sua personale interpretazione della nuova Bmw X5.

Bmw X5 by Fostla.De
Tuning

Bmw X5 by Fostla.De

Un inedito vestito in rosso opaco, merito di una sapiente opera di car wrapping, e 650 CV sotto il cofano per il Suv di Monaco di Baviera.

Bmw X5 by Kelleners Sport
Tuning

Bmw X5 by Kelleners Sport

Dalla Germania, il tuner Kelleners Sport (specialista in Bmw) propone un'elaborazione estetica e meccatronica dedicata a tutte le versioni di X5.