Fiat guarda al low cost: ritorna Innocenti?

Fiat pensa a nuovi modelli per fare concorrenza a Dacia. E c'è anche la possibilità di rilanciare il marchio Innocenti.

Fiat Uno

Altre foto »

Il gruppo Fiat non vuole certo rimanere a guardare il successo dei marchi concorrenti nel segmento delle vetture low cost. Ragion per cui la Casa del Lingotto sta studiando il lancio di una serie di nuovi modelli che entreranno in questo mercato, per fare soprattutto concorrenza al brand Dacia che fa parte del gruppo Renault.

Le vetture in questione dovrebbero provenire direttamente dalle catene di montaggio in Brasile dove il prossimo anno farà il suo debutto una 2 volumi erede della Palio. Nei progetti del costruttore italiano inoltre rientrano versioni a 3 volumi, e anche station wagon e crossover che già compongono la gamma della Palio.

Realizzata su un telaio derivato da quello della Grande Punto, la nuova vettura low cost targata Fiat sarà lunga più di 4 metri nonché più spaziosa del modello precedente. Stessa musica per i propulsori che tuttavia saranno commercializzati nelle versioni meno potenti e assetate, in modo da ridurre i costi d'esercizio. 

L'altra grande novità, ancora tutta da confermare, è che la futura Fiat a "basso costo" potrebbe arrivare anche in Italia, magari rispolverando un vecchio brand come Innocenti.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 18 febbraio 2011

Altro su FIAT

Fiat 124 Spider America: prezzi da 34.900 euro
Ultimi arrivi

Fiat 124 Spider America: prezzi da 34.900 euro

Fiat celebra la storia della 124 Spider con la serie speciale America dedicata allo sbarco della vettura originale negli USA.

FCA: un bonus per i buoni risultati
Attualità

FCA: un bonus per i buoni risultati

Dopo il bilancio del 2016 è scattato il premio per i dipendenti italiani. Nel 2017 si potrebbe replicare!

Fiat Tipo Sedan: gira il mondo senza problemi!
Attualità

Fiat Tipo Sedan: gira il mondo senza problemi!

41.000 km percorsi in 22 paesi, partendo dalla Turchia dove l’auto viene costruita.