Fiat Freemont: a Ginevra 2011 con la famiglia

Fiat Freemont debutterà al Salone di Ginevra, la prima vettura nata dalla partnership con Chrysler. Linee muscolose e versatilità.

Fiat Freemont: a Ginevra 2011 con la famiglia

di Lorenzo Stracquadanio

14 febbraio 2011

Fiat Freemont debutterà al Salone di Ginevra, la prima vettura nata dalla partnership con Chrysler. Linee muscolose e versatilità.

Si chiama Fiat Freemont il primo crossover Fiat frutto della partnership con Chrysler Group che farà il suo debutto al Salone di Ginevra. Realizzato sulla base del Dodge Journey, Fiat Freemont sarà prodotto nello stabilimento messicano di Toluca, dove viene realizzata anche la 500, per poi essere commercializzato nella seconda metà del 2011.

Nelle intenzioni del gruppo Fiat, Freemont si rivolge alle famiglie, essendo spazioso e comodo grazie alle dimensioni importanti: 489 cm lunghezza, 188 cm di larghezza, e 172 cm di altezza, in grado di ospitare 7 passeggeri. La versatilità inoltre è uno dei tratti distintivi di questo nuovo modello grazie all’apertura delle portiere a 90 gradi e al sistema di scorrimento dei sedili che possono essere abbattuti per ampliare il vano di carico (1.461 litri).

Il design è muscoloso, con linee tese e geometriche, che danno vita a un’immagine molto “americana”. L’abitacolo invece è stato realizzato con materiali soft touch per venire incontro ai gusti degli automobilisti europei, dettagli cromati per la plancia dove spicca su tutti il sistema infotainment con schermo touch screen a colori. 

Due gli allestimenti della Fiat Freemont previsti che comprendono cerchi in lega da 17″, climatizzatore automatico a tre zone, sistema keyless entry, cruise control, trip computer avanzato, sistema di monitoraggio della pressione pneumatici (Tmps), fendinebbia e radio touch screen con schermo a colori e comandi al volante.

Nella versione dedicata all’utilizzo urbano si aggiungono anche radio touch screen con schermo da 8,4″, lettore DVD e SD card, sistema bluetooth, sensori di parcheggio posteriori, specchietti retrovisori ripiegabili, accensione automatica dei fari, vetri posteriori oscurati e barre sul tetto.[!BANNER]

Veniamo adesso ai propulsori della Fiat Freemont. Al debutto Freemont sarà spinto da motori turbodiesel a trazione anteriore 2.0 Multijet da 140 o 170 cavalli abbinati a un cambio manuale. Successivamente arriveranno anche le versioni 4×4 con il 2.0 Multijet da 170 cavalli e il V6 3,6 litri benzina da 276 cavalli – l’unico in gamma a esser prodotto da Chrysler – entrambe questa volta con cambio automatico. Prezzi da definire.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...