Alpina B5 e B6 Bi-Turbo Edition 50: le più potenti di sempre

600 CV e 800 Nm per Alpina B5 e B6 Bi-Turbo Edition 50, nuove serie speciali create per celebrare i primi 50 anni del marchio tedesco.

Alpina B5 e B6 Bi-Turbo Edition 50: le più potenti di sempre

di Francesco Giorgi

27 marzo 2015

600 CV e 800 Nm per Alpina B5 e B6 Bi-Turbo Edition 50, nuove serie speciali create per celebrare i primi 50 anni del marchio tedesco.

Alpina supera sé stessa con due serie speciali che promettono di essere le Alpina più potenti mai prodotte: il piccolo costruttore di Kaufbeuren svela le immagini ufficiali e le informazioni progettuali e tecniche delle nuove B5 Bi-Turbo e B6 Bi-Turbo Edition 50, edizioni speciali (basate rispettivamente su Alpina B5 e B6) create per celebrare il mezzo secolo dalla fondazione della factory di Kaufbeuren. Il singolare marchio che ritrae in un unico scudo un carburatore doppio corpo e un albero a camme (simboli di elaborazione, potenza ed engineering), avvenuta il 1 gennaio 1965 e, da allora, concretizzata nella creazione di edizioni high performance dei modelli più potenti di Bmw: una tradizione che ha contribuito a scrivere pagine importanti anche nel motorsport, ad iniziare dalle celebri Bmw 3.0 Csl Alpina che dal 1973 vennero portate in gara, fra gli altri, da Dereck Bell, James Hunt, Jackie Ickx, Niki Lauda, Brian Muir, Hans Stuck; dal 1983, Alpina non è più un “semplice” preparatore di vetture, ma un marchio a sé stante, anche se la collaborazione con Bmw è sempre a filo doppio.

Le nuove Alpina B5 Bi-Turbo e B6 Bi-Turbo Edition 50, che saranno prodotte in serie ultralimitata (50 unità per la berlina, altrettante 50 per la coupé, a un prezzo che partirà da 117.800 euro) si caratterizzano, a livello di corpo vettura, per l’adozione di una esclusiva tinta in verde Alpina o Blu Alpina (a scelta), cioè i due colori- simbolo del marchio di Kaufbeuren; esclusive decalcomanie “Alpina Edition 50” possono essere ordinate da ogni singolo cliente per essere posizionate nella parte bassa delle fiancate e allo [glossario:spoiler] anteriore. Per il resto, l’immagine del corpo vettura rimane quella, aggressiva ma discreta, di Alpina B5 e B6 Bi-Turbo: un’estetica all’insegna dell’understatement, che non risalta ad una prima occhiata, ma richiede qualche secondo di attenzione per notare il sottile spoiler anteriore, il paraurti modificato, le nuove bandelle laterali sottoporta e il nuovo paraurti posteriore. Soltanto i cerchi da 20″ possono dirsi completamente nuovi: identici nel disegno multirazza a quelli ai quali Alpina ha abituato gli appassionati, sono stati resi più leggeri, nonostante la larghezza sia aumentata a 9″ all’anteriore e ben 10″ al posteriore. Qualche novità, indirizzata più alla celebrazione dei 50 anni di Alpina che alla volontà di creare nuove soluzioni di abitabilità, anche all’interno, dove Alpina B5 Bi-Turbo e B6 Bi-Turbo Edition 50 vengono equipaggiate con i consueti sedili anatomici in pelle nera e cuciture trapuntate, plancia in “Piano Black” con rifiniture in ceramica e accenti in pelle. Le serie speciali vengono celebrate con l’indicazione “Edition 50” e la firma del fondatore Burkard Bovensiepen sulla plancia davanti al passeggero e con una targhetta che riporta la numerazione progressiva di ciascun esemplare, che trova posto sulla consolle centrale.

Come sempre, Alpina ha scelto di dedicare maggiore attenzione alla componente motoristica, profondamente rivista dai tecnici di Kaufbeuren. Alpina B5 Bi-Turbo Edition 50 si basa sul collaudato 4.4 V8 a doppio turbocompressore di Bmw Serie 5: la [glossario:sovralimentazione] utilizza due turbo che operano in parallelo a 1,2 bar di pressione; in più, ci sono da segnalare un nuovo [glossario:intercooler] maggiorato, nuovi radiatori dell’olio e del liquido di raffreddamento, nuovi pistoni alleggeriti, alberi a camme più profilati e, “ovviamente”, la rimappatura della centralina. Una particolare attenzione è stata rivolta allo studio dei flussi dell’aria e alla loro ottimizzazione, con percorsi più brevi e rivolti a una immediata risposta dell’acceleratore. L’impianto di scarico, realizzato ad hoc dallo specialista Akrapovic, è in titanio; in più, le Alpina B5 Bi-Turbo e B6 Bi-Turbo Edition 50 vengono equipaggiate, di serie, con il [glossario:differenziale] a slittamento limitato. Così preparato, il V8 da 4,4 litri di origine Bmw arriva a sprigionare – secondo quanto dichiarato dai tecnici Alpina – ben 600 CV e 800 Nm di coppia massima, valori che fanno di questo motore l’unità più potente mai realizzata da Alpina.