Pagani Huayra: la forza del vento

L’ultima creazione Pagani si chiama Huayara: il design trae ispirazione da un vento andino, mentre il cuore da 700 CV è firmato AMG.

Pagani C9: il terzo teaser

Altre foto »

Si chiama Pagani Huayara come il dio andino del vento "Aymara Huayra Tata", ed è l'ultima incredibile supercar della Casa di San Cesario sul Panaro fondata dall' eclettico Horacio Pagani. La Huayara sostituisce dopo 12 anni di onorata carriera e 16 versioni la mitica Pagani Zonda, e ripropone la formula della sportiva senza compromessi, a partire dal suo design, ispirato secondo lo stesso Pagani all'elemento aria descritto come "delicato ed etereo eppure capace di erodere i materiali più resistenti".

Disegnata dal vento

Il particolare design della Huayara, come del resto quello della Zonda, trae ispirazione dagli sport prototipi ed è caratterizzato da una cabina molto avanzata e dalla lunga coda dove troviamo il possente motore Mercedes-AMG. Il telaio è costituito da una monoscocca centrale completamente nuova realizzata in carbo-titanio che incorpora le inedite porte ad ali di gabbiano, il risultato è su un corpo vettura che vanta un peso di appena 1.340 kg ripartiti con un rapporto 43:56 tra i due assi. Particolarmente originale la soluzione stilistica del frontale che incorpora i fari bi-xeno, eredità della Zonda R e le luci diurne a LED integrate nella forma ellittica della grande bocca anteriore. Il paraurti posteriore integra il diffusore dominato da una cornice ellittica che circonda ed esalta i quattro terminali di scarico centrali, simbolo ed elemento caratteristico del marchio Pagani.

Sotto il cofano... un cuore AMG

Con la Huayra continua la partnership tra l'atelier modenese e la Mercedes-AMG che fornisce il possente propulsore V12 6.0 litri biturbo "M158". Una unità che sviluppa ben 700 CV e l'incredibile coppia massima di 1.000 Nm, abbinata ad un cambio automatico sequenziale a sette rapporti posizionato trasversalmente e dotato di frizione bi-disco. La Casa emiliana non ha fornito particolari dettagli sulle prestazioni di questo bolide, l'unico dato certo è l'incredibile velocità massima "oltre i 370 km/h". Per ottenere questa incredibile velocità massima si è lavorato molto sul carico aerodinamico, ricreando un flusso a bassissima turbolenza sulla parte superiore della vettura per ottenere la massima ottimizzazione dei due flap posteriori regolabili automaticamente e studiati per ottenere la migliore deportanza.

La geometria delle sospensioni è stata disegnata per rendere l'handling della vettura preciso e senza esitazioni, le sospensioni sono di tipo indipendente a doppio braccetto e forgiate in "AvionAl". Questa speciale lega leggera garantisce  una riduzione di peso di oltre il 30% rispetto al normale alluminio, consentendo di  realizzare dei portamozzi leggerissimi. Gli ammortizzatori della Öhlins sono registrabili e collegati ai gruppi ruota mediante appositi bilanceri studiati per ottimizzare le caratteristiche dinamiche della sportiva italiana.

Se vuoi aggiornamenti su PAGANI HUAYRA: LA FORZA DEL VENTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 26 gennaio 2011

Vedi anche

Bentley: c

Bentley: c'è una gamma ibrida plug-in nel suo futuro

Rumors dal Web indicano che fra le strategie a breve-medio termine da parte di Crewe c'è lo sviluppo di propulsioni Phev.

Lotus Exige Race 380: ancora più estrema

Lotus Exige Race 380: ancora più estrema

Una nuova "derivata" sta per aggiungersi alla gamma Exige: è la Race 380, che migliora ulteriormente il rapporto peso/potenza. Arriverà a maggio.

Toyota Prius C 2017: baby ibrida pronta al debutto

Toyota Prius C 2017: baby ibrida pronta al debutto

Nuove funzionalità di assistenza alla guida e, sotto il cofano, conferma il 1.5 a ciclo Atkinson abbinato a un'unità elettrica per 99 CV complessivi.