Pagani Huayra: la forza del vento

L’ultima creazione Pagani si chiama Huayara: il design trae ispirazione da un vento andino, mentre il cuore da 700 CV è firmato AMG.

Pagani C9: il terzo teaser

Altre foto »

Si chiama Pagani Huayara come il dio andino del vento "Aymara Huayra Tata", ed è l'ultima incredibile supercar della Casa di San Cesario sul Panaro fondata dall' eclettico Horacio Pagani. La Huayara sostituisce dopo 12 anni di onorata carriera e 16 versioni la mitica Pagani Zonda, e ripropone la formula della sportiva senza compromessi, a partire dal suo design, ispirato secondo lo stesso Pagani all'elemento aria descritto come "delicato ed etereo eppure capace di erodere i materiali più resistenti".

Disegnata dal vento

Il particolare design della Huayara, come del resto quello della Zonda, trae ispirazione dagli sport prototipi ed è caratterizzato da una cabina molto avanzata e dalla lunga coda dove troviamo il possente motore Mercedes-AMG. Il telaio è costituito da una monoscocca centrale completamente nuova realizzata in carbo-titanio che incorpora le inedite porte ad ali di gabbiano, il risultato è su un corpo vettura che vanta un peso di appena 1.340 kg ripartiti con un rapporto 43:56 tra i due assi. Particolarmente originale la soluzione stilistica del frontale che incorpora i fari bi-xeno, eredità della Zonda R e le luci diurne a LED integrate nella forma ellittica della grande bocca anteriore. Il paraurti posteriore integra il diffusore dominato da una cornice ellittica che circonda ed esalta i quattro terminali di scarico centrali, simbolo ed elemento caratteristico del marchio Pagani.

Sotto il cofano... un cuore AMG

Con la Huayra continua la partnership tra l'atelier modenese e la Mercedes-AMG che fornisce il possente propulsore V12 6.0 litri biturbo "M158". Una unità che sviluppa ben 700 CV e l'incredibile coppia massima di 1.000 Nm, abbinata ad un cambio automatico sequenziale a sette rapporti posizionato trasversalmente e dotato di frizione bi-disco. La Casa emiliana non ha fornito particolari dettagli sulle prestazioni di questo bolide, l'unico dato certo è l'incredibile velocità massima "oltre i 370 km/h". Per ottenere questa incredibile velocità massima si è lavorato molto sul carico aerodinamico, ricreando un flusso a bassissima turbolenza sulla parte superiore della vettura per ottenere la massima ottimizzazione dei due flap posteriori regolabili automaticamente e studiati per ottenere la migliore deportanza.

La geometria delle sospensioni è stata disegnata per rendere l'handling della vettura preciso e senza esitazioni, le sospensioni sono di tipo indipendente a doppio braccetto e forgiate in "AvionAl". Questa speciale lega leggera garantisce  una riduzione di peso di oltre il 30% rispetto al normale alluminio, consentendo di  realizzare dei portamozzi leggerissimi. Gli ammortizzatori della Öhlins sono registrabili e collegati ai gruppi ruota mediante appositi bilanceri studiati per ottimizzare le caratteristiche dinamiche della sportiva italiana.

Se vuoi aggiornamenti su PAGANI HUAYRA: LA FORZA DEL VENTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 26 gennaio 2011

Vedi anche

Rolls-Royce Project Cullinan: il debutto nel 2018

Rolls-Royce Project Cullinan: il debutto nel 2018

Prosegue lo sviluppo dello Sport Utility di Rolls-Royce, atteso nel 2018: dopo Natale test al Circolo Polare Artico e nei deserti mediorientali.

Nuova Nissan Micra: in anteprima al Motor Show 2016

Nuova Nissan Micra: in anteprima al Motor Show 2016

L’ultima generazione della citycar giapponese sarà ospitata presso lo stand del Car Of The Year al Padiglione 26, del Motor Show di Bologna

Dacia Sandero Stepway e Duster Black Shadow al Motor Show 2016

Dacia Sandero Stepway e Duster Black Shadow al Motor Show 2016

Lo stand Dacia al Motor Show di Bologna svela la rinnovata Sandero Stepway e il Suv "urban chic" Duster Black Shadow.