Lamborghini Estoque: confermata la produzione

La sportiva quattro porte della Casa di Sant’Agata Bolognese diventerà il terzo modello Lamborghini. Probabile l’utilizzo del V10 della Gallardo.

Lamborghini Estoque Concept

Altre foto »

I vertici del Gruppo Volkswagen hanno ufficialmente confermato le dichiarazioni fatte dal presedente Lamborghini Stephan Winkelmann, sulla possibile produzione della coupè quattro porte Estoque, presentata sotto forma di concept-car al Salone di Parigi 2008.

Secondo il management del Gruppo, la Casa di Sant'Agata Bolognese ha bisogno di un terzo modello per raggiungere livelli di vendita che le permettano una certa autonomia economica. Il terzo modello non sarà però un SUV sportivo, a causa dell'elevata concorrenza interna caratterizzata dai modelli Audi e Porsche, ma sarà bensì una sportiva dotata di quattro porte e altrettanti comodi posti in grado di regalare prestazioni degne del nome Lamborghini.

La futura berlina sportiva erediterà probabilmente la piattaforma MSB della Porsche Panamera, ponendosi però un gradino al di sopra per quanto riguarda il prezzo e soprattutto le prestazioni. Probabilmente sotto il cofano della Estoque batterà il V10 5.2 litri da 560 o 570 CV che equipaggia la Gallardo, ma non è da escludere a priori l'utilizzo di un possente 12 cilindri, il tutto abbinato alla classica trazione integrale firmata Lamborghini.

Se vuoi aggiornamenti su LAMBORGHINI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 18 gennaio 2011

Altro su Lamborghini

Lamborghini Huracan RWD Spyder: una "scoperta" tutta dietro
Anteprime

Lamborghini Huracan RWD Spyder: una "scoperta" tutta dietro

Sotto i riflettori del Salone di Los Angeles, Lamborghini svela la versione a trazione posteriore della Huracan Spyder.

Lamborghini Huracan: tuning by DMC
Tuning

Lamborghini Huracan: tuning by DMC

Body Kit in carbonio e 20 CV in più nel motore

Lamborghini Huracan Performante: il debutto a Los Angeles?
Anteprime

Lamborghini Huracan Performante: il debutto a Los Angeles?

La Casa di Sant’Agata bolognese potrebbe svelare al Salone americano una variante ancora più estrema della Huracan.